Padre Giovanni Cavalcoli: "Sbagliato dire che Dio non castiga" | lafedequotidiana.it

Padre Giovanni Cavalcoli: “Sbagliato dire che Dio non castiga”

Ti è piaciuto? Condividi!

cavalcoli” Il silenzio di Dio? Un castigo per le volte nelle quali gli abbiamo voltato le spalle. Il recente terremoto dimostra che dobbiamo sempre  avere i conti a posto,  nessuno conosce l’ora “.  lo dice in questa intervista a Lafedequotidiana il noto teologo domenicano padre Giovanni Cavalcoli.

Padre Cavalcoli, in tanti dopo il recente sisma, si sono chiesti dove era  Dio…

” E’ la domanda che ci facciamo in molte occasioni luttuose. Il silenzio di Dio non è  distrazione. Dio a volte tace . Ci chiede pazienza e comunque rimane vicino. Il suo silenzio è un castigo, una punzione a fin di bene per tutte le volte nelle quali gli abbiamo voltato le spalle. Come accade tra fidanzati,  si mette il muso nelle liti. Possiamo dire che questo è un forte richiamo di Dio”.

E i morti?

” Non possiamo sostenere che chi è deceduto sia maggiormente colpevole o peccatore di chi è sopravvissuto. Ma questa tragedia, come altre,  dimostra che dobbiamo sempre tenere i conti a posto, nessuno conosce la ora o il giorno nel quale l’ amministratore ci chiederà il conto”.

Talvolta, specie nella recente predicazione e  pastorale si ha la sensazione di una dimensione  debordante della misericordia..

” Infatti, trovo che ci sia un misericordismo diffuso, eccessivo ed anche deleterio. Questo parlare continuo di misericordia senza collegarla efficacemente al peccato e alla giustizia è una ipocrisia e non è vero che noi  ci sialviamo  sempre e tutti, altrimenti dobbiamo ritenere che l’ Inferno sia vuoto. A dirla tutto questo misericordismo  si associa alla teologia  in parte eretica di Rahner e ci può portare alla dannazione. Questa visione in molti casi, arriva persino a superare Rahner, pervenendo agli eccessi di Lutero”.

E Papa Francesco?

“Lui insiste sul fatto che Dio è misericordia e fa bene. Però penso che parli poco del peccato e questo è un errore pastorale.  Insiste troppo sul lato misericordia e di fatto sorvola sulle conseguenze del peccato e  ci fa perdere di vista il sano timor di Dio, questo porta al lassismo etico”.

Dio manda castighi?

” Dio è bontà , invita tutti alla salvezza, ma permette il male. Ricordiamo che il male è legato al peccato originale. Dio lo permette quaqsi fosse una specie di catechismo per arrivare al bene sommo che è Cristo ed essere uniti alla sua Croce. Dire che Dio non castiga è lanciare un messaggio eretico. Lui castiga, ma ha misericordia. Affermare che  non castiga è sbagliato teologicamente, ed anche filosoficamente”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.