"Nicola santo d'Oriente e di Occidente", il nuovo libro di Corrado Veneziano | lafedequotidiana.it

“Nicola santo d’Oriente e di Occidente”, il nuovo libro di Corrado Veneziano

Ti è piaciuto? Condividi!

Un’altra chicca su San Nicola. E’ l’ ottimo libro “Nicola santo d’Oriente e di Occidente” (editrice Besa) scritto dal professor Corrado Veneziano,  recentemente presentato a Bari presso l’ Istituto di teologia Ecumenica. L’ autore è docente al Conservatorio Santa Cecilia di Roma, città dove vive, di origine lucana con moglie barese e nel capoluogo ha vissuto per oltre 30 anni. Il testo,  ben fatto anche dal punto di vista estetico e della impaginazione,  pertanto pregevole, racconta in stile romanzesco, la spedizione dei 62 marinai baresi che per mare andarono a Myra al fine di portare via le spoglie mortali di San Nicola. In poche parole, Veneziano apprezzato autore e regista Rai, non ha voluto realizzare un saggio storico, ma un  romanzo che si legge tutto di un fiato. Lo abbiamo intervistato.

Professor Veneziano, perchè si è cimentato con San Nicola?

” Il mio è un atto di amore sia verso Nicola, che per Bari dove ho vissuto per circa 30 anni. Da venti  sono a Roma pur avendo origini lucane. Mia moglie è barese. Lo considero allora, un giusto omaggio a due importanti parti di me”.

Il mare, assieme ai marinai, è uno dei grandi protagonisti del libro…

” Effettivamente è così. Il Mediterraneo è al centro del dialogo Occidente- Oriente. Io mi sono  occupato di questo mare nella mia produzione. Pur essendo geograficamente punto di incontro, spesso è stato di scontro o di lutto, suo malgrado si è fatto luogo di tragedia e di dolore, penso alle tante persone annegate nel tentativo di solcarlo per cambiare vita”.

E San Nicola?

” In questo ruolo di dialogo est- ovest, si inserisce Nicola, santo amato in Occidente, ma soprattutto in Oriente e in particolare nella Russia. Lo reputo un santo di estrema modernità, spregiudicato, vicino alle donne non sposate, protettore dei commerci e sostenitore del guadagno giusto ed equo”.

Che cosa si aspetta dal libro?

” Che possa aumentare l’ interesse sul santo. MI piacerebbe farlo tradurre in Russia.  Devo constatare, e questo mi addolora, che Nicola è maggiormente poolare all’e stero ed in Russia che qui in Italia, dove è visto  tra verità e leggenda. Bisogna  fare giustizia su San Nicola”.

I protagonisti del suo libro?

” Come dicevo, il mare e i 62 marinai, in una dimensione  collettiva e di solidarietà. Le loro conversazioni ci riportano alla Bari del loro tempo, una bella ed avvincente storia colettiva di popolo e di fede”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.