Il Sen. Scilipoti Isgrò: "Karl Rahner, Ratzinger e quella tesi del 'papato condiviso'" | lafedequotidiana.it

Il Sen. Scilipoti Isgrò: “Karl Rahner, Ratzinger e quella tesi del ‘papato condiviso'”

Ti è piaciuto? Condividi!

Gentile direttore,

la vicenda del libro Dal profondo dei nostri cuori, che si è persino tinta di ” giallo”, mi porta ad elaborare alcune considerazioni che affido alla Sua  attenzione.

Non entro nel merito della controversia e su chi abbia capito bene o male, ma  esaminare, da credente, il momento delicato che vive la Chiesa cattolica persino dal punto di vista della comunicazione non sempre brillantissima.

Le tesi sostenute nel  testo in causa, tutto sommato, sono condivise dalla parte dei cattolici e non dicono nulla di veramente nuovo. Magari è il momento  di uscita del libro che porta a discussioni. Qualcuno lo ha interpretato, maliziosamente, come attacco al Papa regnante alla vigilia del documento sul sinodo amazzonico o delle decisioni che i vescovi tedeschi adotteranno su morale sessuale e celibato sacerdotale. Preso atto della serietà del card Sarah e di Papa Benedetto XVI l’ intento è da escludere.

A mio modesto avviso, senza entrare nel merito della contesa da un punto di vista ecclesiale o teologico, mi limito ad alcune valutazioni. I credenti oggi più che mai hanno bisogno di una Chiesa cattolica unita, che sappia predicare la Verità nella carità. Dalla vicenda sembra, al contrario, una Chiesa sballottata da polemiche interne. E’ condivisibile la valutazione fatta da alcuni autorevoli blogger come Aldo Maria Valli il quale parla di situazione “drammatica”. Ecco perché, da cristiano, prego affinché la Chiesa resti  unita.
Da tutta questa vicenda emerge, però, un dato che non possiamo sottovalutare. Il clamore del libro, senza nulla togliere all’autorevole cardinal Sarah, si deve  alla firma quale coautore   del Papa emerito.
E il problema gira proprio attorno a questa inedita e mai esistita figura nella Chiesa: il Papa emerito. Non esiste nel diritto canonico e tanto meno nella Sacra Scrittura. Quale la sua genesi? Non è dato sapere con esattezza. Tuttavia, potrebbe affondare le sue origini proprio nel retroterra culturale di Papa Ratzinger. Egli, infatti, prima di diventare cardinale, fu docente universitario in Germania ed ebbe per collega il teologo tedesco Karl Rahner. Rahner fu sostenitore della tesi del “papato condiviso”. Nel tempo, Joseph Ratzinger prese poi le distanze da Rahner, diventato esponente della cosiddetta ala progressista, mentre il futuro Benedetto XVI aderì a quella conservatrice. Ed è nota la tendenza di Ratzinger a cambiare, in alcuni casi repentinamente, idea.  Che Papa Ratzinger fosse favorevole all’idea di  rinunciare al pontificato (cosa contemplata dal diritto canonico) lo si ricava da una lunga intervista rilasciata al giornalista Peter Siewald, nella quale sostenne che quando un pontefice sta male o non è nelle condizioni di andare avanti, ha il diritto e addirittura il dovere di lasciare (conclusione che  gli costò qualche velata critica dal clero polacco che giudicò questa affermazione  critica di Giovanni Paolo II). E allora, il problema e lo dico senza alcuna polemica e la massima serenità, consta nel titolo di Papa emerito. Si è voluto assimilare in base ad una poco felice idea di sinodalità, la diocesi di Roma, che è un unicum  in quanto guidata dal Papa, ad una qualunque diocesi del mondo dove  il vescovo, dopo essere andato in pensione, diviene emerito. Le due cose non sono sovrapponibili.
Concludo  auspicando, nel tempo in cui nel mondo domina la litigiosità ad ogni livello (si vedano le tante guerre ) e in Italia la politica dimostra asprezza, la Chiesa cattolica dimostri piena unità nella Verità con carità. Bisogna pregare, ricordando che quando si ha frattura, è il diavolo il  protagonista. Il diavolo Principe del mondo, della menzogna e della divisione.

Senatore Domenico Scilipoti Isgrò

Un pensiero riguardo “Il Sen. Scilipoti Isgrò: “Karl Rahner, Ratzinger e quella tesi del ‘papato condiviso'”

  • Avatar
    15 Gennaio 2020 in 13:43
    Permalink

    Chiedo scusa se mi ripeto,ma ciò che faccio lo faccio per amore della Verità. Benedetto XVI ha chiesto PUBBLICAMENTE ED ESPLICITAMENTE CHE VENGA RIMOSSA LA SUA FIRMA E LA SUA IMMAGINE DAL SUDDETTO LIBRO,questo perchè di autografo Egli ha inserito SOLO UN TESTO!!!! Ora con tutto il rispetto per tutti,vi chiedo,se voi scrivete una pagina con il VOSTRO PENSIERO,poi qualcun’altro con la scusa di pubblicare SOLO LA PAGINA,mette sulla copertina del libro il vostro viso e la vostra firma,dicendo che IL LIBRO E SRITTO A 4 MANI ,quando voi sapete bene di aver scritto SOLO UN TESTO DI UNA PAGINA E NON UN LIBRO!,come vi sentireste? (sembra che qualcuno non voglia proprio capire)

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.