Don Gabriele Mangiarotti: “Amoris Laetitia ha bisogno di chiarimenti, il Papa risponda ai Dubia”

Don-Gabriele-Mangiarotti“Il capitolo 8 di Amoris Laetitia ha bisogno di chiarimenti, opportuno rispondere  ai Dubia dei cardinali.” Lo afferma in questa intervista a La Fede Quotidiana don Gabriele Mangiarotti, autorevole teologo, sacerdote  di CL e  animatore dell’ importante sito Cultura Cattolica.

Don Gabriele, 4 cardinali hanno avanzato Dubia su Amoris Laetitia. La trova una iniziativa corretta?

” Il Collegio  Cardinalizio da sempre ha avuto ed ha quale scopo quello di aiutare e coadiuvare il  Papa, non vedo dunque nessun motivo di scandalo o indignazione nell’ atto di quei 4 cardinali che è volto al bene della Chiesa. Hanno esercitato un diritto e direi persino un dovere coerente e fedele al loro compito di supporto al Papa. Penso che talvolta, mi riferisco a chi si indigna, si tema la chiarezza, sembra  che il porre delle domande pertinenti come quelle dei Dubia sia un atto ostile o pericoloso. Fare domende su questioni dottrinali è  giusto, altrettanto che si dia una risposta. Se  io non pongo  interrogativi malevoli e tendenziosi, occorrono risposte coerenti e palesi”.

I Dubia riguardano il capitolo 8 di Amoris Laetitia, ci sono aspetti di quel testo che non la convincono?

” Io ritengo che il capitolo 8 vada chiarito. Il problema è : se il documento è in continuità col Magistero e la tradizione o se vi è rottura e discontinuità. Il  tema è quello interpretativo”.

Esistono dei dubbi?

“Esistono dubbi di interpretazione  e tanti lo hanno detto non per spirito di polemica, ma per il bene della Chiesa e dei fedeli. La prassi rischia di mutare da zona a zona seguendo la logica  del caso per caso. Ecco perchè è bene una interpretazione su questo punto: vi è o non vi è continuità con il Magistero precedente. E’ bene che si dia una risposta “.

Problema islam.  Possiamo definirlo religione di pace?

” Condivido quello che detto a  voi padre Samir. Certamente non tutti i musulmani sono violenti o terroristi, però nel Corano ci sta di tutto, pace e violenza. Inoltre, l’islam è una mescola di religione e politica. E allora chi non crede è considerato nemico da sottomettere e conquistare, proprio per la valenza politica dell’islam”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.