ESCLUSIVO - Monsignor La Piana: "Fittipaldi mi infanga, io non mi sono mai arricchito" | lafedequotidiana.it

ESCLUSIVO – Monsignor La Piana: “Fittipaldi mi infanga, io non mi sono mai arricchito”

Ti è piaciuto? Condividi!

Monsignor La Piana
Monsignor La Piana

“Il giornalista Emiliano Fittipaldi ha dato voce e credito a sacerdoti della mia diocesi che mi sono ostili. Questa è opera del diavolo.” E’ lo sfogo a La Fede Quotidiana di monsignor Calogero La Piana, arcivescovo emerito di Messina. Che cosa è accaduto? Il giornalista Fittipaldi ha da poco pubblicato “Lussuria”, un volume che si occupa del caso pedofilia nel clero ed anche di lobby gay. Un capitolo, anticipato da l’Espresso, è dedicato a Monsignor La Piana . Secondo il giornalista, monsignor La Piana avrebbe intrattenuto relazioni omosessuali con un  ricco medico della sua diocesi ottenendo da questi una ricca disposizione testamentaria in deroga ad una precedente dello stesso dottore. Insomma, secondo Fittipaldi, il vescovo di Messina, per via dei suoi presunti rapporti omosess
uali col medico, avrebbe conseguito un lucroso lascito ereditario. Monsignor La Piana che oggi vive a Roma ospite della Basilica del Sacro Cuore, pensionato dei Salesiani, nei pressi della stazione Termini.

Eccellenza, ha letto?

“Sì. Fittipaldi sbaglia. Nei miei confronti da tempo si è scatenata una vera offensiva priva di sostanza  per infangarmi. Una volta hanno sostenuto che avevo creato problemi economici alla diocesi. Non potendo suffragare questa accusa priva di ogni valore, ecco quella della omosessualità e della eredità. Una domanda: lei che fa il giornalista mi ha contattato qui con facilità. Perchè Fittipaldi dopo aver raccolto, a suo dire, quegli elementi, non ha sentito la minima esigenza di ascoltare la mia versione?”.

Perchè secondo lei si è arrivati a scrivere quelle cose?

” Fittipaldi ha seguito acriticamente  i veleni di  alcuni sacerdoti  diocesani che nutrono rancore verso di me, sono due nel particolare. Qeal capitolo non è frutto di Fitipaldi, ma il veleno di un gruppetto di preti locali scontenti verso di me per motivi di interesse, da vescovo li avevo toccati nelle loro prerogative e si sono vendicati. Aggiungo che il capitolo dedicato a me è fuori tema, perchè il libro tratta della pedofilia.  Sembra quasi un atto di omaggio del giornalista a chi ha fornito delle notizie, ovviamente false. Siccome la bugia è figlia del diavolo, lo dice il Vangelo, ecco che questo libro è opera del demonio alla pari di chi anonimamente calunnia per motivi di rancore”.

La sua versione sul lascito ereditario…

” Fittipaldi poteva benissimo chiedere alla diocesi di Messina e  sarebbe stato tutto chiaro. Io ho donato tutto sino all’ultimo e  non ho tenuto nulla per me, non mi sono arricchito,  vivo qui in un  pensionato dei salesiani. In quanto ai rapporti omosessuali sono una bufala. Il benefattore  che mi ha   dato il lascito ereditario era un noto medico della diocesi, vicino alla Chiesa e molto credente che aveva curato, gratuitamente, preti e vescovi. Una volta ammalatosi  e ormai solo, nessuno di quelli che aveva riempito di attenzioni lo ha degnato di  cure e allora scelse autonomamente di cambiare il testamento donando a me i sui beni. Lo fece perchè io sono stato il solo che nel tempo del bisogno ho mostrato attenzione e vicinanza, chiamandolo  al telefono o anche facendogli visita. Lui si era sentito abbandonato e gratificato  dalle mie attenzioni, tutto qui. Scelse spontaneamente di cambiare il beneficiario del testamento, io neppure volevo. Ma mi costituì erede in qualità personale non di vescovo, sia ben chiaro”.

Cosa pensa di Fittipaldi?

“Il libro non passerà alla storia, è il solito sensazionalismo anti Chiesa. Fa leva su questo per motivi di banale cassetta, del resto è recidivo basti vedere la sua opera precedente. Sono felice delle tante attestazioni di solidarietà nella Chiesa che ricevo ogni giorni, la memoria del mio cellulare è piena”.

Bruno Volpe

4 pensieri riguardo “ESCLUSIVO – Monsignor La Piana: “Fittipaldi mi infanga, io non mi sono mai arricchito”

  • Avatar
    23 Gennaio 2017 in 2:00
    Permalink

    Quì c’e di mezzo la “Massoneria” messinese … attraverso lingue malevole, se non altri poteri forti toccati da S.E. durante il suo mandato arcivescovile …

    Rispondi
  • Avatar
    23 Gennaio 2017 in 18:48
    Permalink

    Mah a me sinceramente non mi sconvolge il sapere se è vero o falso che il sig.re La Piana abbia avuto una relazione omosessuale, se cosi fosse sono affari suoi, tanto ormai se ne sente una al giorno sui vizi dei preti. Mi fa rabbia come questa persona voglia passare per santo e tanto altro. Direi al sig.re La Piana di fare mente locale e di ricordarsi il danno che lui coprendo i peccatucci di un suo sacerdote dei quali era stato informato piu’ volte lo abbia sempre coperto e mandato nella comunità di Malfa già provata da vicende non piacevoli. E quando una volta li successe lo scandalo di una video intervista di una delle amanti del suddetto prete dopo che quest’ultima era venuta a Malfa a rompergli l’auto e ci fu una lite con diversi testimoni e le persone chiamavano in curia, lui al telefono si è fatto sempre negare non concedendo mai un appuntamento a chi voleva incontrarlo per parlargli di questi fatti incresciosi e chi rispondeva a nome suo datv alle persone dei visionari e dei diffamatori nei confronti del parroco in oggetto. Quindi concordo con Fittibaldi che La Piana ha nascosto e coperto quello che combinavano i suoi sacerdoti e posso provare tutto quello che ho scritto, mi riservo di mandare il materiale in mio possesso al giornalista in questione. Quindi il sig.re La piana e tutti quelli come lui in certe occasioni ci farebbero piu’ figura a restare in silenzio. Oggi chi crede in Dio sta lontano da queste persone che hanno sporcato con il loro operato l’abito che indossano.

    Rispondi
  • Avatar
    24 Gennaio 2017 in 18:07
    Permalink

    Ho conosciuto Mons. La Piana, Arcivescovo emerito di Messina quando ancora era un semplice sacerdote salesiano. Quando divenne Ispettore dei salesiani ho avuto la fortuna di collaborare con lui per portare avanti l’associazione TGS di cui allora io ero presidente regionale. Ho avuto anche il piacere di frequentarlo e avere l’onore della sua amicizia una volta eletto Arcivescovo. Ho avuto tanto da imparare da Lui. Era e rimane per me un esempio perchè in lui ho trovato un salesiano con un carisma particolare e con una forte ricchezza interiore. Quello che adesso scrivono i suoi diffamatori mi fa ricordare le vicissitudini di Don Bosco, osteggiato da alcuni a tal punto da considerarlo pazzo…. Sono particolarmente vicino in questo momento a Mons La Piana e vorrei esprimere a Lui attraverso queste poche righe la mia solidarietà e la mia stima.
    Roberto Benedetto

    Rispondi
  • Avatar
    18 Luglio 2017 in 19:20
    Permalink

    Sono un avvocato di Mazara ed ho avuto il piacere di avere per pochissimi anni come Vescovo Mons. La Piana.- Tutti i giorni prego per lui affinchè il signore lo assista per tutte le sue imprese.-
    Ora ho saputo della gravissima situazione, ma come dice lui è opera del diavolo! Mons. La Piana, si faccia coraggio e consideri la croce di Cristo, che ora è chiamato a portare.-
    Nessuno può stabilire quale sarà il nostro avvenire; ma il Signore ci riserva sempre una sorpresa e noi dobbiamo accettarla.- Per lei è il momento del martirio.-
    Con affetto
    Enzo

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.