Nuovo video sulla profanazione eucaristica di Trieste: "intervenga il Vaticano" | lafedequotidiana.it

Nuovo video sulla profanazione eucaristica di Trieste: “intervenga il Vaticano”

Ti è piaciuto? Condividi!

A Trieste un’incredibile profanazione eucaristica era stata immortalata da un video ed aveva accesso le polemiche sul web. Adesso è arrivato un nuovo video, con ulteriore profanazione. Ma andiamo con ordine.

Durante la Santa Messa di Pasqua, presso la chiesa di San Giovanni Decollato di Trieste, un uomo era arrivato davanti al sacerdote, inscenando un surreale dialogo.

Come ha scritto IlGiornale.it, “si sente dal video nei 35 secondi pubblicati, al sacerdote che ripete la tradizionale formula “Il corpo di Cristo” prima di distribuire sulla mano il Santissimo Corpo del Signore, l’uomo ha risposto: “Grazie a te”, aggiungendo provocatoriamente: “E che parte è questa del corpo?”. Alla risposta seccata e in dialetto del sacerdote: “Magna”, l’uomo ha replicato in dialetto: “Magno quando che voglio mi. Magno, magno, sta bono”. Poi l’uomo si è allontanato dal sacerdote e, invece di consumare le sacre specie immediatamente, come è previsto dalle norme della Chiesa, si è incamminato lungo la Chiesa tenendo in mano la particola consacrata e ripetendo due volte, inquadrando probabilmente con uno smartphone l’Ostia Consacrata, “questo è il corpo di Cristo?” e aggiungendo irrispettosamente “ma dai dai questo qua è […omissis] mamma mia, bon bon”. Quindi l’affermazione blasfema: “Ma come puoi fare di una patatina il Corpo di Cristo?. Ma andemo avanti…”. Poi nel video scatta il bip della censura”.

Dal quotidiano Il Piccolo era stato riferito che l’uomo con l’ostia consacrata in mano era stato “bloccato da un parrocchiano che gli ha intimato di consumare la particola prima di uscire dalla chiesa”.

A quanto pare non è stato così tanto che oggi è arrivato questo nuovo video che mostra come la profanazione è continuata anche fuori dall’edificio sacro.

Per questo motivo  la consacrata Agnieszka Rzemieniec, del Comitato internazionale “Uniti con Gesù Eucaristia per le mani Santissime di Maria”, raggiunta da La Fede Quotidiana, ha chiesto aiuto al Vaticano e a chi di competenza presso i dicasteri vaticani, di estendere “in virtù dell’autorità del Pontefice regnante” la modalità di distribuzione della Santa Comunione che si attua in Vaticano (sulla lingua e non sulle mani) al mondo intero. La giovane donna aggiunge anche la possibilità di ricevere la Santa Comunione Eucaristica, oltre che sulla lingua, anche in ginocchio, su degli appositi inginocchiatoi da installare nelle varie chiese.

Questo perché “il fedele che si inginocchia afferma la sacralità dell’azione e del luogo dove si celebra. Togliere il segno visibile e permanente della prostrazione, ossia gli inginocchiatoi, come hanno fatto recentemente a Loreto, infligge un colpo mortale all’identità e alla sacralità delle nostre chiese. Il fatto che si voglia sostituire un tale gesto con lo stare inchinati, non risolve il problema, perché, da un lato non fa parte della tradizione liturgica latina, che ha pieno diritto ad essere riconosciuta e rispettata; dall’altro lato nelle sacre Scritture si parla in modo esplicito ed inequivocabile dello stare in ginocchio, come spiega san Paolo in Filippesi 2,10-11 o in Efesini 3, 14. Anche lo stesso Gesù Cristo si inginocchiò, soprattutto nel momento supremo della sua passione, quando si prostrò pure a terra in una intensa e drammatica orazione”.

Distribuire la Comunione sulla mano “favorisce questo tipo di abusi e di profanazioni”, ha detto la Rzemieniec che ha spiegato che “per tale motivo è stata lanciata una petizione on line che ha già raggiunto le 10 mila firme”.

“Il Cardinale Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, ha già espresso il suo favore ad acconsentire alla richiesta di permette la ricezione della Santa Comunione sulla lingua, per evitare gli abusi e ogni profanazione. Manca solo il via libera di Papa Francesco”.

Peraltro, un esperimento condotto negli Stati Uniti, ha dimostrato che, ponendo la comunione in mano, diversi frammenti, difficilmente scorgibili ad occhio nudo, rimangono prima impressi sulle mani. “Inoltre, accanto al rischio di profanazione continua, dobbiamo sventare il problema rappresentato dalle messe nere e dai circoli satanisti che, quasi meravigliati da questa consuetudine, possono più facilmente prelevare l’ostia e condurla via”.

Lo ha spiegato bene anche il teologo don Nicola Bux in questo intervento:

7 pensieri riguardo “Nuovo video sulla profanazione eucaristica di Trieste: “intervenga il Vaticano”

  • Avatar
    6 Maggio 2019 in 15:45
    Permalink

    Poveretti quelli che hanno permesso questi scempi mi sono sempre rifiutata di ricevere nelle mani il corpo di Cristo… non è certo così che si rende onore a Dio fatto uomo

    Rispondi
  • Avatar
    6 Maggio 2019 in 16:10
    Permalink

    Son las terribles consecuencias de dar la comunión en la Mano, el pobre Sacerdote en otro video se ve cuando le da la comunión se le ve con cara de asustado , no debió darle la comunión a esta persona evidentemente POSEÍDA POR EL DEMONIO AVE MARIA PURISIMA ..JESÚS YO CREO ADORO ESPERO Y TE AMO Y TE PIDO PERDÓN POR LOS QUE NO CREEN NO ADORAN NO ESPERAN Y NO TE AMAN.

    Rispondi
  • Avatar
    7 Maggio 2019 in 15:15
    Permalink

    Penso che questa programmazione, certamente opera del demonio, possa solamente infierire ancora di più sull’anima di quel povero demente , e magari i qualche modo “spero” convertirlo.Oggi sul vangelo del giorno, Stefano diceva di vedere i cieli aperti e il Foglio dell’uomo sedere alla dx del Padre, è Perdonava
    e diceva ai suoi uccisori che Dio non imparasse loro quel peccato, perché non sapevano quel che facevano. E per lui è lo stesso!

    Rispondi
  • Avatar
    7 Maggio 2019 in 18:03
    Permalink

    Nella chiesa primitiva si distribuiva il Pane (Corpo di Cristo)e si beveva al Calice
    Dare la Comunione direttamente in bocca non se ne parla in nessuna lettera del Nuovo Testamento
    Non credo che Dio si offenda anche perché Dio non si può offenderlo in nessuna maniera tutto ciò che l’uomo fa di sbagliato va a discapito della propria anima
    Se una persona si professa atea ed altresì cade nella blasfemia non sarà l’ostia a fargli fare sacrilegio quindi non capisco il motivo per cui non possiamo prendere l’Eucarestia con le mani
    PS:ed è anche più igienico

    Rispondi
  • Avatar
    7 Maggio 2019 in 19:23
    Permalink

    .. “Padre perdona loro non sanno quello che fanno… “

    Rispondi
  • Avatar
    7 Maggio 2019 in 21:12
    Permalink

    Non ho parole per esprimere il mio sdegno. Il Signore perdoni questo uomo posseduto da satana. A questo punto sarebbe giusto ricevere l’Eucaristia direttamente in bocca. Non vorrei essere al posto di quel sacerdote. Sia lodato e ringraziato in ogni momento il SS. e divinissimo sacramento. Amen.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.