Il vescovo di Teramo: "Dopo il terremoto la popolazione si sente trascurata dalle istituzioni" | lafedequotidiana.it

Il vescovo di Teramo: “Dopo il terremoto la popolazione si sente trascurata dalle istituzioni”

Ti è piaciuto? Condividi!

E’ trascorso un anno dal terremoto che ha flagellato il centro Italia. Anche l’ Abruzzo è stato duramente colpito dal sisma. La Fede Quotidiana ha intervistato, per un bilancio, Monsignor Michele Seccia, vescovo di Teramo- Atri.

Eccellenza, Monsignor D’ Ercole, proprio sul nostro sito, ha lamentato i problemi derivanti dalla burocrazia. Condivide?

” In parte sì, e questo lo abbiamo constatato specialmente nelle opere di ricostruzione delle  chiese danneggiate. In alcuni casi, nessuno  ci ha informato o ha coordinato le operazioni  di messa in sicurezza o rifacimento. Qui abbiamo avuto 200 chiese inagibili. Era ed è indispensabile sicuramente un maggior coordinamento”.

Dipende dal peso della burocrazia?

” Non saprei dirlo con sicurezza. Indubbiamente la lentezza della burocrazia  ha pesato anche se, a dirla tutta, la stessa burocrazia è necessaria, se ben incanalata e diretta, cioè quando non intralcia”.

Che umore riscontra tra la popolazione?

” La gente qui è volenterosa, decisa ad andare avanti. Però in certi casi non si sente incoraggiata e forse percepisce un poco di trascuratezza. Lo dico senza  sollevare alcuna polemica gratuita. Penso che sia possibile e direi auspicabile uno sforzo maggiore”.

Monsignor D’Ercole dice che la gente ha perduto la speranza…

” Un cristiano,  anche nelle circostanze maggiormente avverse, non può e non deve cadere nella disperazione o nella rassegnazione, anche se questo è umano e comprensibile. Indubbiamente, la situazione rimane difficile. Io non sono pessimista e penso che ciascuno debba fare attivamente la sua parte. La speranza cammina con le gambe degli uomini”.

Vi sentite trascurati?

” Ci sentiamo un tantino trascurati, questo è vero. I danni di precedenti terremoti non sono stati ancora del tutto riparati, e la situazione, pure sotto il profilo economico, è complicata. Ma, lo ripeto, non bisogna piangersi addosso,  occorre reagire guardando avanti”.

Rumors la danno come prossimo vescovo di Lecce…

” Lascio  fare al Papa, quando e se lo vorrà. Io resto qui e in attesa, lo deciderà lui”.

 

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.