Paolo Brosio: “Ormai pochi credono al valore dei sacramenti”

Ti è piaciuto? Condividi!

“Stiamo deificando la scienza rispetto a Dio, che era e rimane al primo posto”. Lo dice in questa intervista che ci ha rilasciato il noto giornalista Paolo Brosio.

Da che cosa dipende il fatto che lei è stato duramente contestato in tv perchè parlava del diritto a ricevere la comunione?

” Non mi sorprende questo. Il fatto è che oggi si cancella Dio dalla vita di tutti i giorni. Poco alla volta stiamo deificando la scienza rispetto a Dio, mettendola al primo posto. Non affermo che la scienza e la medicina siano inutili, anzi , ben venga il progresso. Tuttavia, nessuno o pochi in questo momento credono al valore salvifico dei sacramenti”.

In che senso?

“Durante il lockdown il governo ha lasciato aperte le tabaccherie. Probabilmente si vuole dire che comprare le sigarette o fare le ricariche del telefono, comprare  il gratta e vinci sono cose più importanti della comunione. Questione di prospettive”.

Che cosa possiamo fare?

” In prospettiva cattolica rimettere Dio al primo posto. E’ assurdo quanto accaduto a Cerveteri dove un prete è stato bloccato e maltrattato dalla polizia mentre celebrava messa pur rispettando le norme di legge. Nella credenza collettiva oggi, anche tra molti cattolici il prete è diventato un untore di malattia e ritiene che della comunione si possa fare a meno a cuor leggero. Siamo alla battaglia finale mossa dal demonio”.

Si vedono in tv opinionisti di ogni tipo, mancano i preti..

” La verità è che oggi la gente non vuole vedere i preti, li reputa untori, la fede è una specie di attentato  ed istigazione al contagio e rinuncia facilmente a Dio e  ai sacramenti”.

In Polonia i vescovi hanno aumentato le messe..

” La Polonia è una terra dove la fede è salda e i vescovi fanno i vescovi. Una nazione che ha conosciuto il martirio e conosce dittatura e chiesa del silenzio. Non vuole tornare a quel tempo. In Polonia i cristiani sanno bene che la vita terrena è un passaggio breve verso quella eterna”.

Bruno Volpe

One thought on “Paolo Brosio: “Ormai pochi credono al valore dei sacramenti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.