Padre Samir Khalil: “Sulla strage di Berlino, Galantino sbaglia”

Ti è piaciuto? Condividi!

29-samir-khalil“A Berlino un atto di guerra contro Occidente e la cristianità. Monsignor Galatino  ignorante del Corano.” Lo afferma in questa intervista a La Fede Quotidiana padre Samir Khalil Samir, gesuita.

Padre Samir, monsignor Galatino commentando l’ennesima strage del terrorismo islamico a Berlino, ha escluso che possa trattarsi di atto di guerra o scontro di civiltà…

“Galatino sbaglia perchè è ignorante del Corano, o pecca di ingenuità e questo almeno in parte è anche un atteggiamento del Papa. Credo che invece sia in atto, da tempo, un attacco e una vera guerra contro il mondo cristiano ed occidentale, ce la hanno dichiarata “.

Chi?

” L’ Isis, ma questo Isis radica nell’islam, ne è un aspetto e non ritengo giusto parlare solo di fondamentalisti.  Tanti musulmani ritengono l’Occidente un nemico, corrotto, immorale e per questo degno di essere conquistato e sottomesso. Lo hanno sempre voluto e cercato”.

E allora la tesi di Galatino?

” Come dicevo, parla da ignorante dell’islam e  del Corano. In questo libro, infatti, assieme a qualche passo che è ispirato alla pace, ne troviamo tanti violenti. Il Corano contiene di tutto e non possiamo definire l’islam  religione di pace, è un errore. Certamente la maggioranza dei musulmani non sono favorevoli agli atti del terrore, ma la matrice violenta di certe azioni è dettata dal Corano e dalla tradizione. Galatino  sbglia, non sa  o per troppa ingenuità”.

L’ attentato di Berlino ripropone il delicato problema della immigrazione, che fare?

” Quando nel mare sono in gioco tante vite umane, non è possibile far finta di nulla e vanno salvate. Ma una volta fatto questo, abbiamo bisogno di controllo e di attenzione, non possiamo escludere infatti che tra coloro che arrivano in quel modo, si nascondano anche terroristi o violenti. Inoltre la vera integrazione non è questa, quando poi finiscono a vivere da mendicanti , magari cadendo nelle braccia del terrore o della delinquenza. Occorre che studino la lingua italiana prima di tutto”.

Basta solo questo?

” No. Lo Stato italiano faccia capire che in Italia  gli immigrati non possono fare quello che vogliono e che devono rispettare le leggi, i costumi, le tradizioni. Aggiungo che la carità, doverosa, parte dai vicini per arrivare ai lontani. Ai migranti va detto che qui non possono imporre la loro visione del mondo, lo facciano a casa loro. Non vogliono mangiare la carne di maiale o quella macellata diversamente dai riti prescritti? Se non esiste altra possibilità, si arrangino,  loro si sfamano alla mensa, non vanno al ristorante”.

Bruno Volpe

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.