Omofobia, Marco Invernizzi (Alleanza Cattolica): "legge ideologica e totalitaria" | lafedequotidiana.it

Omofobia, Marco Invernizzi (Alleanza Cattolica): “legge ideologica e totalitaria”

Ti è piaciuto? Condividi!

“Una legge ideologica e totalitaria”: Marco Invernizzi di Alleanza Cattolica bolla così, nell’intervista che ci ha concesso, il ddl Zan Scalfarotto.

Invernizzi il dibattito su questa legge è acceso. Quale la sua opinione?

“Naturalmente sono contrario. E’ una legge ideologica e totalitaria che istituisce un reato di opinione. Vuole imporre il silenzio ai cattolici, a ben vedere non solo a loro, ma a tutti coloro che secondo buon senso, difendono la famiglia formata da uomo e donna e dicono che un bambino ha diritto ad un papà maschio e madre femmina. Guardi, come le accennavo, che queste cose elementari non sono solo bagaglio di chi è credente cattolico, ma di tutti i cristiani, persino dei musulmani e della gente che ha senso di responsabilità, anche atei”.

Insomma, una legge ideologica..

“E’ ideologica a tutti gli effetti, va contro l’ antropologia naturale”

Che cosa chiede ai politici credenti?

“Che si oppongano anche dentro il palazzo con maggior convinzione di quella che vediamo. Attualmente, spiace dirlo, si nota maggiormente in quelli dell’ opposizione”.

Ci sono credenti anche nel Pd..

“Innegabilmente. Ma sono succubi delle posizioni del partito e non vengono fuori. Lo abbiamo visto con le unioni civili”.

Santa Sofia, che lezione ricavarne?

“Qui il problema nasce da lontano dopo la conquista musulmana di Costantinopoli e Santa Sofia fu convertita in moschea. Poi Ataturk la rese museo. A mio avviso la soluzione non è quella di Ataturk, ma è rispettare la libertà religiosa, nè museo, nè moschea. Oggi Erdogan ha lo fatto in versione anti Ataturk perchè recita il ruolo del califfo”.

Dopo questo episodio, il dialogo con l’ islam è ancora praticabile?

“Non è affatto un’ utopia e la guerra non è mai una alternativa percorribile. Il dialogo va seguito a prescindere ed è nel Magistero della Chiesa, tuttavia non disturbato da visioni sincretiche, facendo credere che una religione valga l’ altra. Il dialogo sia seguito nel solco della Verità e della propria identità religiosa , senza disprezzare gli altri. Da credente sono certo che il Signore ha predicato e predica la sola Verità e che in lui è salvezza, tuttavia questo non sia mai motivo di disprezzo o scontro con gli altri. Dialogo nella Verità con carità”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.