La Fiat cancella la festa del santo patrono nello stabilimento di Pomigliano d’Arco

Ti è piaciuto? Condividi!

pomiglianoLa Fiat cancella la festa del santo patrono nel suo stabilimento di Pomigliano d’Arco. La notizia è riportata da Il Mattino, che spiega che la fabbrica “per la prima volta nella sua ultradecennale storia” dovrà restare aperta “il prossimo 14 gennaio, giorno dedicato a san Felice in Pincis, protettore di Pomigliano e del vicino comune di Cimitile”. Subito si sono alzate, forti, le proteste sia del vescovo di Nola, monsignor Beniamino De Palma, che del responsabile della pastorale sociale e del lavoro della diocesi, don Aniello Tortora.

Secondo quanto riporta, il quotidiano, la decisione di tenere aperta la fabbrica nel giorno del patrono è stata ufficializzata ieri, è stata presa di comune accordo con i sindacati, al fine di incrementare la produzione per sfruttare la ripresa economica. La giornata festiva persa dai lavoratori il 14 gennaio sarà “recuperata” venerdì 3 giugno, consentendo ai lavoratori di fruire di un ponte di quattro giorni, dal 2 al 5 giugno prossimi.

“L’occasione del 14 gennaio – ha commentato al Mattino il vescovo De Palma  – mi consente di rilanciare un appello caro alla Chiesa di Nola e a tutti i vescovi: il rispetto del giorno di festa come opportunità per rafforzare il senso di comunità e per consentire alle famiglie di rafforzare il senso di appartenenza alla propria terra, alle tradizioni. Il lavoro  è per l’uomo, non l’uomo per il lavoro, ci ricordava san Giovanni Paolo II.”

Michele M. Ippolito

Michele M. Ippolito

Direttore di LaFedeQuotidiana.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.