Il Vaticano arresta il finanziere Torzi per estorsione, peculato, truffa e riciclaggio. | lafedequotidiana.it

Il Vaticano arresta il finanziere Torzi per estorsione, peculato, truffa e riciclaggio.

Ti è piaciuto? Condividi!

“In data odierna l’Ufficio del Promotore di Giustizia del Tribunale Vaticano, al termine dell’interrogatorio del Sig. Gianluigi Torzi, che era assistito dai propri legali di fiducia, ha spiccato nei suoi confronti mandato di cattura”.

Lo ha reso noto ieri sera la Sala Stampa della Santa Sede. Il provvedimento, a firma del promotore di Giustizia Gian Piero Milano e del suo aggiunto Alessandro Diddi è stato emesso “in relazione alle note vicende collegate alla compravendita dell’immobile londinese di Sloane Avenue, che hanno coinvolto una rete di società in cui erano presenti alcuni Funzionari della Segreteria di Stato”. 

All’imputato vengono contestati “vari episodi di estorsione, peculato, truffa aggravata e autoriciclaggio, reati per quali la Legge vaticana prevede pene fino a dodici anni di reclusione”. Allo stato Torzi è detenuto in appositi locali presso la Caserma del Corpo della Gendarmeria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.