Giuliva Di Berardino ci mostra i sentimenti profondi di Gesù di fronte alla moltitudine | lafedequotidiana.it

Giuliva Di Berardino ci mostra i sentimenti profondi di Gesù di fronte alla moltitudine

Ti è piaciuto? Condividi!

 

IL VANGELO DEL GIORNO: mercoledì 4 dicembre 2019

San Giovanni Damasceno

Mt 15, 29-37

In quel tempo, Gesù venne presso il mare di Galilea e, salito sul monte, si fermò là. Attorno a lui si radunò molta folla recando con sé zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guarì. E la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi raddrizzati, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E glorificava il Dio di Israele. Allora Gesù chiamò a sé i discepoli e disse: “Sento compassione di questa folla: ormai da tre giorni mi vengono dietro e non hanno da mangiare. Non voglio rimandarli digiuni, perché non svengano lungo la strada”. E i discepoli gli dissero: “Dove potremo noi trovare in un deserto tanti pani da sfamare una folla così grande?”. Ma Gesù domandò: “Quanti pani avete?”. Risposero: “Sette, e pochi pesciolini”. Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra, Gesù prese i sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò, li diede ai discepoli, e i discepoli li distribuivano alla folla. Tutti mangiarono e furono saziati. Dei pezzi avanzati portarono via sette sporte piene.

Il vangelo di oggi ci rallegra profondamente perché ci mostra i sentimenti profondi di Gesù di fronte alla moltitudine, ai malati, ai bisognosi, di fronte a noi, ai nostri problemi e alle nostre fragilità. E come Mosè sul monte che dona al popolo la Legge di Dio, Gesù, in questo Vangelo, dona alla gente che si riunisce attorno a lui la Sua compassione. Ma la cosa ancora più bella è che Gesù dona la Sua compassione attraverso l’intervento della gente, cioè attraverso di noi, attraverso quello che io e te oggi possiamo offrire a chi ci incontra: un sorriso, uno sguardo di benevolenza, una parola di incoraggiamento, un atto interiore di pazienza e di sopportazione. “Quanti pani avete?” è la domanda di Gesù. Pensiamoci, facciamo risuonare questa domanda nel corso di questa giornata, chiediamoci: “quanti pani ho? Due? Tre? Dieci? Mezzo?” Oggi il Vangelo ci invita a contare la nostra piccolezza, la nostra pochezza perché Gesù sazia la fame di tutti con pochi pani e ancora meno pesci! Diamo fiducia al Signore e senza timore, oggi portiamo a Gesù quel poco che siamo! Permettiamo al Signore di manifestare la Sua compassione attraverso di noi e questo ci farà uscire dalle nostre tristezze, ci renderà felici perché fare il bene ci fa bene! Buona giornata!

 

Michele M. Ippolito

Michele M. Ippolito

Direttore di LaFedeQuotidiana.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.