Gianfranco Amato: “Sui vaccini la Chiesa contribuisce a legittimare la dittatura sanitaria”

Ti è piaciuto? Condividi!

“Rendere obbligatorio il vaccino anti Covid è follia, porteremo chi lo fa alla Corte  di Giustizia Europea”. Lo afferma Gianfranco Amato, Presidente dei Giuristi per la Vita è  chiaro.

Presidente Amato, domenica scorsa in tutta Europa Vax day, tanto entusiasmo anche nei media, condivide?

“No. Perchè su questo vaccino sappiamo ancora poco, non abbiamo certezze e i test sono stati  a dir poco frettolosi. Un trattato internazionale vieta esplicitamente la sperimentazione medica su persone salvo in maniera volontaria. Qui i tempi tecnici previsti per un vaccino sicuro, tre anni, non sono stati osservati con la giustificazione dell’ emergenza. E allora se proprio vogliono, il vaccino sia somministrato solo su volontari”.

Nel caso lo rendano obbligatorio?

” Ci opporremo, i cittadini italiani non possono fare le cavie sottoposti a sperimentazione, perchè tale essa è. Ove lo rendano obbligatorio, siamo pronti ad andare alla Corte Costituzionale  e del caso alla Corte  di Giustizia Europea. Insomma, il principio è chiaro: sono vietate le sperimentazioni salvo il caso di  volontarietà”.

Papa Francesco ha evocato ed invocato vaccini per tutti..

” Non voglio entrare in polemica, ma è una logica simile a quella del nuovo ordine mondiale. Questa Chiesa tace sui punti fondamentali della dottrina, ma si occupa di cose che non le competono. Spero che alla fine parlino i laici, la gerarchia cattolica ricorda i cani muti di cui parla Isaia. Il silenzio della Chiesa è sconcertante e vado con la mente ai vaccini ricavati da feti abortiti. La Chiesa contribuisce a legittimare una dittatura sanitaria che non è più strisciante, ma plateale”.

Bruno Volpe

Share and Enjoy !

0Shares
0 0
Bruno Volpe

Bruno Volpe

Giornalista ed impiegato nel settore dell’Import-Export Trade.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.