"E' disorientante la mancata processione del Corpus Domini" | lafedequotidiana.it

“E’ disorientante la mancata processione del Corpus Domini”

Ti è piaciuto? Condividi!

“E’ disorientante la mancata processione del Corpus Domini”: lo dice in questa intervista che ci ha rilasciato il parroco della Concattedrale di Cervia, don Pierre Laurent Cabantous. Come è noto, Domenica prossima in tutta Italia, in occasione della solennità del Corpus Domini non si svolgeranno le tradizionali processioni a causa Covid 19.

Don Pierre. In una intervista Monsignor Luigi Negri si è detto sbigottito per questo fatto..

“Condivido la sua amarezza. Da un punto di vista pastorale certamente è un fatto disorientante la mancata processione del Corpus Domini”.

Per quale ragione?

“Abbiamo bisogno anche di segni esterni e in questo modo viene meno una dimostrazione pubblica della nostra fede. E questo appunto, mi sembra grave. Aggiungiamoci poi che…”.

Che?

“Che si fanno due pesi e due misure. Per le manifestazioni a sostegno di Floyd e politiche in genere, ce ne sono state tante negli ultimi tempi, non si nota o percepisce il rischio del contagio. Però affiora solo quando si tratta di eventi legati alla nostra fede. Il mio pensiero va ai tre mesi passati senza celebrare le messe col popolo, un tempo di grande prova e di sofferenza”.

Che fare?

“Noi, almeno qui, non potendo andare in strada, faremo adorazione eucaristica dopo la messa solenne. Penso che tutto questo ci debba far svegliare l’ ingegno e come diceva Papa Benedetto XVI, diventare minoranze creative, fare buon viso a cattivo gioco”.

Non ha la sensazione che in questa situazione come per le messe senza popolo, la Cei sia stata troppo remissiva?

“Intanto constato con amarezza che tante attività sono ripartite prima della messa, come se questa fosse maggiormente pericolosa. In quanto alla sua domanda, mi auguro che da questa situazione il Signore ci faccia uscire rinvigoriti nella fede. In Romagna si dice che se è notte si farà giorno, a Napoli che deve passare la nottata”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.