Don Mangiarotti sui ringraziamenti ai cinesi: “dimentichiamo che ci hanno infettati e nascosto la verità”

Ti è piaciuto? Condividi!

“Abbracci festosi ai cinesi? Dimentichiamo che ci hanno infettati e nascosto la verità”: lo dice in questa intervista che ci ha rilasciato don Gabriele Mangiarotti, sacerdote della diocesi San Marino- Montefeltro, direttore di Cultura Cattolica, un sacerdote che non le manda a dire…

Don Gabriele, abbiamo accolto come vecchi amici i medici cinesi e gli aerei con le mascherine….

“Forse ci siamo dimenticati che ci hanno infettati, che hanno mentito e nascosto la verità anzi castigando i medici che avevano denunciato. Mi domando che senso ha accettare le caramelle da loro. Ci hanno messi in braghe di tela”.

Eppure Monsignor Sorondo ha affermato che la Cina è un modello di dottrina sociale…

“Sono scandalizzato ed è poco. Quella cinese è una dittatura antiumana ed anti cattolica, altro che storie”.

In che modo giudica l’informazione attuale in Italia sul Coronavirus?

“Una comunicazione simile al Minculpop che beatifica la Cina. Magari guardano con benevolenza alla Cina per la via della seta, non saprei. Però è una informazione omologata e di regime. La stessa Agicom vuole o pensa di limitare la libertà di comunicazione e si pensa di controllare il traffico delle cellule del telefono. Il Parlamento è di fatto chiuso e abbiamo un uomo solo al comando. Il tutto crea una isteria collettiva”.

In tv parlano i virologi e i politici vanno in secondo piano o quasi..

“Stimo i medici e bisogna essere loro grati per quello che fanno e per le vittime. Però a mio parere questa presenza insistente di virologi è funzionale a quel clima di omologazione informativa per giustificare le scelte sbagliate di chi ha gestito a livello politico l’emergenza. Ho la sensazione che si sta gestendo questa emergenza a fini di potere”.

Il cardinal Ranjith ha detto che l’ epidemia potrebbe essere opera di laboratorio…

“Non lo so e non mi azzardo a dirlo. Però a mio parere è opera del demonio che vuole distruggere l’ umanità. Questa pandemia sta annullando l’ uomo, ci guardiamo in cagnesco, i rapporti umani sono azzerati, la pratica religiosa è ridotta. Alla base ci sta un progetto anti umano. Il risultato del virus? Distruggere l’uomo, e soprattutto la libertà individuale. Non trascuriamo in proposito che esiste una realtà insidiosa, la massoneria, che ha addentellati con Satana. E da noi si blocca tutto, ma in questo progetto anti umano, si lascia e permette l’aborto”.

Bruno Volpe

Michele M. Ippolito

Michele M. Ippolito

Direttore di LaFedeQuotidiana.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.