Boscia (Medici cattolici): "Il DDL Zan - Scalfarotto mette a rischio libertà di insegnamento" | lafedequotidiana.it

Boscia (Medici cattolici): “Il DDL Zan – Scalfarotto mette a rischio libertà di insegnamento”

Ti è piaciuto? Condividi!

Con il ddl Zan Scalfarotto è a rischio la libertà di insegnamento oltre che quella di opinione. Ne è convinto il professor Filippo Maria Boscia, barese, docente, luminare medico e Presidente Nazionale dei Medici Cattolici.

Professor Boscia, si  dice che questa legge serva ad evitare le discriminazioni sessuali..

” Le premetto che le persone omosessuali e transessuali devono sempre essere rispettate comunque ed assolutamente, mai vessate o aggredite, danneggiate psicologicamente e  fisicamente. Su questo siamo tutti d’accordo. Però bisogna  partire dalla verità”.

Cioè?

” Per la nascita di una nuova vita occorre sempre un maschio ed una femmina, padre e madre, portatori di gameti maschili e femminili, uniti da complementarietà sessuale ed affettiva”.

Esiste un rischio ?

“Con questa legge ci potrà essere il rischio di derive liberticide, potrà considerarsi discriminante oppure obsoleta ,una didattica che affermi che nella generazione umana vi è sempre bisogno di maschio e femmina. Mi chiedo: potremo continuare a svolgere la nostra doverosa formazione pedagogica oppore dovremo astenerci per la paura di incorrere nel reati di omotransfobia? La scienza deve essere lasciata libera. Rifuggiamo da sudditanze culturali, ideologiche e politiche, desideriamo da medici e docenti di essere lasciati liberi anche di non condivere le tante offerte messe a disposizione delle biotecnologie”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.