Monsignor Paglia: “Incontro mondiale delle famiglie aperto anche a coppie gay”

Monsignor Vincenzo Paglia

Monsignor Vincenzo Paglia

“Tutti possono venire, nessuno escluso”. Con queste parole monsignor Vincenzo Paglia, presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia, ha risposto alle domande dei giornalisti, nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’ottavo incontro mondiale delle Famiglie in programma a Philadelphia dal 22 al 27 settembre. Interpellato riguardo alla presenza o meno, a Philadelphia, di coppie gay, monsignor Paglia ha risposto: “Seguiamo alla lettera l’Instrumentun Laboris del Sinodo. Tutti possono venire, nessuno escluso”. “E se qualcuno si sente escluso, lascio le 99 pecorelle e lo vado a prendere”, ha aggiunto con una battuta.

“L’intima connessione” tra il meeting negli Usa e il Sinodo, ha precisato monsignor Paglia, “evidentemente non è solo temporale. L’augurio è che l’incontro di Philadelphia e il Sinodo di ottobre possano realmente costruire una stagione ecclesiale e sociale caratterizzata da un rinnovato protagonismo della famiglia. Per questo vogliamo lavorare. Vogliamo che il Vangelo della misericordia sia annunciato nelle grandi città del mondo, soprattutto nei quartieri più poveri e più periferici”. (SIR)

31 Commenti

    • Avatar Luciano
  1. Avatar Fabrizio
  2. Avatar aLESSANDRO
  3. Avatar Chiara
  4. Avatar Marco
    • Avatar Riccardo
    • Avatar gaetano
    • Avatar eduardo
  5. Avatar Daniela Maria
  6. Avatar Alessandro
  7. Avatar Lorella Ciroli
  8. Avatar oreste
  9. Avatar elena
  10. Avatar Domenico
  11. Avatar roberta b.
  12. Avatar Christian
  13. Avatar don Massimo
      • Avatar don Massimo
        • Avatar emilio spedicato
        • Avatar Fabrizio
        • Avatar Ascanio
  14. Avatar maria A.
  15. Avatar Sara
  16. Avatar Alberto
  17. Avatar Alberto
  18. Avatar niceforo
    • Avatar Giovanni
  19. Avatar Daniele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.