Don Paolo Farinella: “Non credo alle stimmate di padre Pio e san Francesco”

Don Paolo FarinellaFarinella continua a scandalizzare. Questa volta, intervista da La Zanzara se la prende con Padre Pio. “Padre Pio è morto e bisogna lasciarlo sotto terra”, dice, e relativamente al sincero culto dei fedeli che hanno omaggiato le spoglie di San Pio e, tramite il santo, hanno chiesto nella preghiera varie grazie a Dio, Farinella dice: “Ma che culto, è tutto incerato: non è una cosa seria”.

Ne ha anche per il Papa Francesco, che ha voluto la salma a Roma per il Giubileo: “L’ha fatto perché è argentino, e lì c’è una devozione popolare fortissima. Poi la Chiesa è frantumata è un modo per riunire le componenti”. Le affermazioni pesanti di Farinella continuano. Sulle celebri stimmate del Santo sostiene: “sono mistificazioni, non ci ho mai creduto. Magari era una forma isterica.

Non credo nemmeno a quelle di San Francesco”. E sul family day dice: “i politici cattolici vanno tutti da Padre Pio, e poi vanno al family day con Gasparri Brunetta e Giovanardi” e, in opposizione all’insegnamento perenne della Chiesa, si dichiara favorevole alle dozioni tra persone dello stesso sesso: “un bambino può crescere con due uomini, ed è pur sempre meglio di un orfanotrofio. È indispensabile che nell’affettività ci sia un elemento maschile e femminile ma indipendente dal genere”. Inoltre, aggiunge: “Per alcune culture i maschi sono assenti in varie culture dall’educazione dei figli. Mi occupo di dare supporto psicologico a bambini violentati da famiglie eterosessuali… per cui, non diciamo luoghi comuni”.

Ricordiamo che Farinella è quel prete che non ha voluto fare il presepe in chiesa per fare un dispetto al leader della Lega Nord Matteo Salvini, quel prete che aveva dichiarato: “La Gelmini si faccia infibulare”, che aveva auspicato la morte di Renzi perchè “porta avanti i piani di Berlusconi”…

Matteo Orlando

7 Commenti

  1. Avatar Romano V.
  2. Avatar Marina
  3. Avatar Fedele
  4. Avatar Silvio
  5. Avatar SalvaTore
  6. Avatar Mauro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.