Un benedettino pro gay autorevole candidato ad arcivescovo di Bari-Bitonto | lafedequotidiana.it

Un benedettino pro gay autorevole candidato ad arcivescovo di Bari-Bitonto

Ti è piaciuto? Condividi!

Il benedettino padre dom Bernardo Gianni, classe 1968, è autorevole candidato a fare l’ arcivescovo della diocesi Bari- Bitonto ( sono decadute le possibilità di Monsignor Piersilvio PIzzaballa e Claudio Maniago). E’ fiorentino, molto stimato dal Papa tanto che ha recentemente predicato gli esercizi spirituali di quaresima su Giorgio La Pira e Mario Luzi poeta gay friendly. E’ stato tra i più fervorosi organizzatori del meeting fiorentino del 2015 sul tema: ” In Gesù Cristo neo umanesimo”. E’ diventato priore nel 229 ed abate di Sam Miniato nel 2013. E’ sensibile all’ accoglienza dei migranti ed  considerato inclusivo nei riguardi del mondo gay friendly come da  foto che alleghiamo.

Bruno Volpe

Un pensiero riguardo “Un benedettino pro gay autorevole candidato ad arcivescovo di Bari-Bitonto

  • Avatar
    19 Maggio 2020 in 15:21
    Permalink

    Non ho fonti per poter esprimere un giudizio sull’articolo, meglio sull’eventuale nomina ad Arcivescovo di Bari. Conosco da anni dom Bernardo: si possono apprezzare o meno certe sue posizioni. Ma è disgustoso indicarlo come gay friendly sulla base di una foto scattata in un momento di relax scherzoso senza conoscere il motivo per cui indossa quel fantasioso cappellino. Questo cappellino è di “zia Caterina”, un personaggio molto a Firenze, una simpatica tassista di Firenze, che, dopo la morte del marito, svolge un enorme servizio per i bambini ospedalizzati: non solo li intrattiene portando la sua vivacità ed il suo amore nell’ospedalino Meyer, ma con la sua macchina, variopinta come le sue lunghe vesti ed il suo mantello, li preleva e li accompagna in tutte le regioni di provenienza. E’ un’autentica missionaria. Evidentemente quel giorno aveva accompagnato dei bambini in gita a San Miniato e così è nata una foto scherzosa, anch’essa tesa a far sorridere bambini speso vicini alla morte.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.