Sanremo, Fusaro: “da Benigni l’attacco più duro al cristianesimo”

Ti è piaciuto? Condividi!

 

Roberto Benigni ieri a Sanremo ha presentato un suo, ma proprio un suo, Cantico dei cantici, che non troverete nella Bibbia.

Il filosofo Diego Fusaro, da par suo, persona al di sopra di ogni sospetto (è dichiaratamente marxista) ha commentato la performance di Benigni in questo modo:

“dopo Achille Lauro, dulcis in fundo, c’è stato l’attacco più duro al cuore del cristianesimo ieri con Benigni che ha letto ed interpretato il Cantico dei cantici in una chiave postmoderna del tutto scristianizzata perchè di fatto ha trasformato il Cantico dei cantici in una sorta di canto pansessualista ed arcobaleno del “Love is love”, dove ogni tipo di unione è possibile, purché vi sia il godimento e l’amore fisico….(…) Benigni sta dicendo che per essere dei buoni cristiani si può benissimo essere consumisti erotici, pansessualisti, plusgaudenti senza contraddizione.

Qui trovate tutta la riflessione di Diego Fusaro

Stendiamo un velo pietoso sul cardinale biblista Gianfranco Ravasi che sui social ha commentato la performance di Benigni scrivendo:

«Il Cantico dei cantici è la canzone più bella che sia mai stata scritta nella storia dell’umanità. Non è facile trovare una versione che vada bene per tutti, così mi sono fatto aiutare da grandi poeti come Cesare Angelini e Gianfranco Ravasi» (R. Benigni). Contento lui!

Il premio Oscar è arrivato all’Ariston accompagnato sul tappeto rosso dalla banda, nella serata omaggio ai 70 anni del Festival ha quasi  rinunciato alla comicità e si è presentato come “cantante” nel nome della Bibbia.

Onestamente il quotidiano della CEI ha scritto sulla performance che il comico toscano si è preso una libertà “politicamente corretta che finisce per tradire non solo la lettera ma il significato profondo del Libro biblico : ‘Il Cantico rappresenta tutte le coppie che si amano, l’uomo che ama la sua donna, la donna che ama la sua donna…'”.

Che altro aggiungere!

A. L. Otter

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.