Padre Stramare: "Chi modifica il presepe lo fa per dare spettacolo e far parlare di sè" | lafedequotidiana.it

Padre Stramare: “Chi modifica il presepe lo fa per dare spettacolo e far parlare di sè”

Ti è piaciuto? Condividi!

“San Giuseppe e  Maria non erano migranti. Chi lo afferma ignora o strumentalizza il Vangelo”. Ecco l’affondo di  padre Tarcisio Stramare, oblato giuseppino, teologo, docente e biblista di assoluta fama, uno degli studiosi al mondo più autorevoli  di San Giuseppe.  Da poco ha pubblicato, per Shalom, un bel libro dal titolo: “San Giuseppe, fatto religioso e teologico”. Lo abbiamo intervistato.

Padre Stramare,  qualche sacerdote ha affermato che  Giuseppe e Maria sono da considerare migranti…

” Assolutamente no, non furono migranti. La Santa Famiglia si spostò per andare a rispondere ad un censimento che di fatto serviva ai romani a fini fiscali, per riscuotere le tasse in ragione del numero di persone censite. Anzi, il fatto che  vi andassero, significa che Giuseppe e Maria erano rispettosi della legge del tempo”.

E allora perchè tale accostamento?

” Chi  lo afferma  ignora o peggio strumentalizza il Vangelo. Oggi sono di moda i migranti e li si vuole vedere o mettere dappertutto e allora si inventano cose strane, persino con letture inappropriate del Vangelo e della vita dei santi. Accostare Maria e Giuseppe a migranti è fuorviante, certamente  segno di  scarsa conoscenza. Magari certe affermazioni ,  azzardate, fanno impressione sulla gente , piacciono, e allora ci si butta. Bisogna essere attenti a non inventare nulla “.

Presepe, ogni Natale ne arriva uno diverso…

” Vale  quello che dicevo prima. Il presepe è bello e semplice, ci fa riflettere sul mistero dell’Incarnazione. Eppure vi è chi sceglie interpretazioni stravaganti solo per fare spettacolo e far parlare di sè. Una specie di esibizionismo deleterio, come quello di annunciare la chiusura della chiesa la notte di Natale per motivi di protesta politica o vicinanza ai poveri. Una scemenza.  Le ripeto, qui si cerca  di strumentalizzare a fini di parte il  Vangelo, la Santa Famiglia ed il presepe. Ed anche certe omelie,  di cui si è parlato,  ricalcano questo modo  di  comportarsi”.

Lei ha da poco pubblicato per Shalom un bel libro dal titolo” San Giuseppe, fatto religioso e teologico”. Perchè quel titolo?

” Su San Giuseppe si dicono tante inesattezze. Persino un autorevole esponente di Chiesa recentemente ha detto che era un imprenditore. Allora ho voluto riassumere in questo tomo di 600 pagine sia la vita, sia gli aspetti teologici su San Giuseppe. Ho riferito dati statistici, notizie, documenti. Torno a ribadire:  di San Giuseppe si parla poco e talvolta male con notizie e storielle infondate. Occorre, al contrario, capirne la grandezza teologica”.

Maria e Giuseppe migranti?

” Ma basta. La Santa Famiglia non era fatta di migranti, andavano come  tutte le persone del loro tempo, a fare il censimento”.

Bruno Volpe

8 pensieri riguardo “Padre Stramare: “Chi modifica il presepe lo fa per dare spettacolo e far parlare di sè”

  • Avatar
    5 Gennaio 2019 in 13:52
    Permalink

    Padre Tarcisio,questo fa parte del Vangelo?
    (parabola del Buon Samaritano) – Vangelo Secondo Luca 10,25-37

    https://www.ilpost.it/2019/01/05/vicesindaco-trieste-senzatetto/

    ….e questi sono gli stessi che sventolano Rosari, Vangeli e che gridano,guai a chi tocca il presepe! Gesù Cristo non ci giudicherà sul presepe,ma su altro……

    PS:Ma quando Giuseppe e Maria sono fuggiti in Egitto con il Bambino,questi erano dei migranti stranieri in un paese straniero?,o cosa?, me lo sono sognato io questo passo del Vangelo?,……e meno che Giuseppe,Maria e Gesù non fossero pure egiziani!(avevano la cittadinanza egiziana?),……giudicate voi.

    Rispondi
      • Avatar
        6 Gennaio 2019 in 17:55
        Permalink

        Lei non ha sognato il passo del vangelo invece ha sognato la sua personalissima interpretazione fuorviante e strumentale alle vostre ideologie sinistrate . La fuga in egitto per la Sacra Famiglia avvenne in un periodo storico in cui esisteva l’impero romano che comprendeva anche l’Egitto quindi il loro spostamento si realizzo all’interno dei confini di uno stato , non fu una emigrazione . Si ricordi che al di la dei fatti storici quando si parla della Sacra Famiglia si deve assumere uno stato di raccoglimento e meditare sul vero significato che per l’umanità ha avuto il ruolo della Famiglia di Gesù non accostandola a strumentalizzazioni politiche e fuorvianti . Auguri .

        Rispondi
    • Avatar
      7 Gennaio 2019 in 4:00
      Permalink

      L Egitto era parte Dell Impero Romano, quindi non erano migranti ma cittadini romani che sono spostati da una provincia all altra

      Rispondi
    • Avatar
      7 Gennaio 2019 in 20:33
      Permalink

      VERAMENTE DEVI STUDIARE O ALMENO ASCOLTARE LE CATECHESI CHE FANNO PERSONE CHE HANNO STUDIATO DOTTORI TEOLOGI,MA TU SEI DALLA PARTE BERGOGLIANA E CIÒ NON MI FA SORPRESA.

      Rispondi
    • Avatar
      9 Febbraio 2019 in 8:02
      Permalink

      … sono “scappati” in egitto per fuggire alla bufala della strage degli innocenti voluta da Erode ( che risulta morto 5 anni prima della nascita di Gesù ), Fuggire in una nazione per poi tornare a casa propria non si può definire “migrazione” al massimo viaggio… anche tu, quando vai in vacano non emigri… nemmeno se vai in uno stato diverso… è solo un viaggio.

      Rispondi
  • Avatar
    6 Gennaio 2019 in 11:47
    Permalink

    Fuggirono per salvare il bambino da Erode. Quindi erano sicuramente dei perseguitati. Quanto al loro non essere egiziani dovremmo forse riflettere sul fatto che in quel tempo sia la Giudea che l’Egitto erano parte del dominio romano. Sostanzialmente si spostarono da una provincia all’altra.

    Rispondi
  • Avatar
    8 Gennaio 2019 in 13:22
    Permalink

    Giovanni 13,31-35
    31In quel tempo Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. 32Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. 33Figlioli, ancora per poco sono con voi. 34Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. 35Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri».

    Vi chiedo scusa per la mia ignoranza,e vi ringrazio per la vostra ‘fraterna correzione’.A voi che siete tanto intelligenti, vi chiedo di ripsondere ad una sola domanda,a rigurado di ciò che ho postato sopra:

    Come ci ha amato Lui?………….(è bergogliano pure Lui?)

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.