Padre Giuseppe Tagliareni: "servire Dio non solo è bello, ma pure pacifico!" | lafedequotidiana.it

Padre Giuseppe Tagliareni: “servire Dio non solo è bello, ma pure pacifico!”

Ti è piaciuto? Condividi!

Prima Lettura
2 Cr 24, 17-25
Dal secondo libro delle Cronache.
Dopo la morte di Ioiadà, i comandanti di Giuda andarono a prostrarsi davanti al re, che allora diede loro ascolto. Costoro trascurarono il tempio del Signore, Dio dei loro padri, per venerare i pali sacri e gli idoli. Per questa loro colpa l’ira di Dio fu su Giuda e su Gerusalemme. Il Signore mandò loro profeti perché li facessero ritornare a lui. Questi testimoniavano contro di loro, ma non furono ascoltati.
Allora lo spirito di Dio investì Zaccarìa, figlio del sacerdote Ioiadà, che si alzò in mezzo al popolo e disse: «Dice Dio: “Perché trasgredite i comandi del Signore? Per questo non avete successo; poiché avete abbandonato il Signore, anch’egli vi abbandona”». Ma congiurarono contro di lui e per ordine del re lo lapidarono nel cortile del tempio del Signore. Il re Ioas non si ricordò del favore fattogli da Ioiadà, padre di Zaccarìa, ma ne uccise il figlio, che morendo disse: «Il Signore veda e ne chieda conto!».
All’inizio dell’anno successivo salì contro Ioas l’esercito degli Aramei. Essi vennero in Giuda e a Gerusalemme, sterminarono fra il popolo tutti i comandanti e inviarono l’intero bottino al re di Damasco. L’esercito degli Aramei era venuto con pochi uomini, ma il Signore mise nelle loro mani un grande esercito, perché essi avevano abbandonato il Signore, Dio dei loro padri. Essi fecero giustizia di Ioas. Quando furono partiti, lasciandolo gravemente malato, i suoi ministri ordirono una congiura contro di lui, perché aveva versato il sangue del figlio del sacerdote Ioiadà, e lo uccisero nel suo letto. Così egli morì e lo seppellirono nella Città di Davide, ma non nei sepolcri dei re.

IN ALTERNATIVA:

Is 61,10-11 (dalla memoria)

Dal libro del profeta Isaìa
Sarà famosa tra le genti la loro stirpe,
la loro discendenza in mezzo ai popoli.
Coloro che li vedranno riconosceranno
che essi sono la stirpe benedetta dal Signore.
Io gioisco pienamente nel Signore,
la mia anima esulta nel mio Dio,
perché mi ha rivestito delle vesti della salvezza,
mi ha avvolto con il mantello della giustizia,
come uno sposo si mette il diadema
e come una sposa si adorna di gioielli.
Poiché, come la terra produce i suoi germogli
e come un giardino fa germogliare i suoi semi,
così il Signore Dio farà germogliare la giustizia
e la lode davanti a tutte le genti.

Vangelo
Mt 6, 24-34
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli:
«Nessuno può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza.
Perciò io vi dico: non preoccupatevi per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito?
Guardate gli uccelli del cielo: non séminano e non mietono, né raccolgono nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non valete forse più di loro? E chi di voi, per quanto si preoccupi, può allungare anche di poco la propria vita?
E per il vestito, perché vi preoccupate? Osservate come crescono i gigli del campo: non faticano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Ora, se Dio veste così l’erba del campo, che oggi c’è e domani si getta nel forno, non farà molto di più per voi, gente di poca fede?
Non preoccupatevi dunque dicendo: “Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?”. Di tutte queste cose vanno in cerca i pagani. Il Padre vostro celeste, infatti, sa che ne avete bisogno.
Cercate invece, anzitutto, il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta.
Non preoccupatevi dunque del domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. A ciascun giorno basta la sua pena».

IL COMMENTO ALLE LETTURE DEL GIORNO DI PADRE GIUSEPPE TAGLIARENI

Le vicende storiche del popolo eletto sono emblematiche. Scelto e istruito per dare culto a Dio e preparare l’avvento del Messia vero re del Regno di Dio, molte volte tralignò : diede culto agli idoli, trascurando il tempio e la sua liturgia; i re e i capi del popolo ordirono trame per conservare o accrescere il loro potere, allontanando da Dio il loro cuore e dimenticando del tutto di preparare la via al Messia venturo.

Il Signore mandò numerosi profeti per rimproverarli, per abbattere l’idolatria, per minacciare castighi divini come siccità, pestilenze, sconfitte militari. Molte volte essi, invece di convertirsi, uccidevano i profeti, come fu per il sacerdote Zaccaria ucciso nel cortile del tempio per ordine del re.

Oggi, idoli e pali sacri sono per i nostri capi l’UE, la BCE, l’OMS, il FMI, l’Unicef, il PPF, la FAO, la salute pubblica, i comitati di “esperti”, etc.

Essi non danno culto a Dio e si mettono sotto strane obbedienze: Trilaterale, Bildeberg, Illuminati di Sion, di Baviera e Logge varie che con Dio non hanno proprio a che fare. Ed egli li abbandona.

Non si possono servire due padroni: o Dio, o “Mammona”. Chi si affanna per il cibo e per il vestito, non ha tempo per cercare il regno di Dio e la sua giustizia: gli affanni si moltiplicano e dimentica di avere nei cieli un Padre che a tutto pensa, che nutre pure gli uccelli e veste i gigli del campo. Quante inutili inquietudini! Servire Dio non solo è bello, ma pure pacifico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.