La Chiesa indiana: “Lo yoga non è una esperienza che avvicina al divino”

Ti è piaciuto? Condividi!

La Chiesa Siro-Malabarese indiana, di rito cattolico, ha pubblicato una nota rivolta al clero in cui è evidenziato che “lo yoga non è una esperienza che avvicina al divino, anche se può contribuire alla salute fisica e mentale.”

Il sinodo dei vescovi siro-malabaresi riconosce l’importanza che lo yoga riveste nella cultura indiana, ma aggiunge che “deve essere considerata un esercizio fisico, una postura per concetrarsi o meditare” e che, d’altra parte, “l’esperienza divina non necessita di alcuna particolare postura”.

Fratel Paul Thelakat ha chiarito che lo yoga è “accettabile ed utilizzabile per concentrarsi, meditare e per il benessere del corpo e della mente. Tuttavia, il Sinodo non considera lo yoga con una via mitica o esoterica per raggiungere al meglio una vita spirituale.”

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Un pensiero su “La Chiesa indiana: “Lo yoga non è una esperienza che avvicina al divino”

  • Avatar
    12 Aprile 2017 in 7:51
    Permalink

    In linea di principio concordo ma come si interpreta allora l’esicasmo che fa della postura e del respiro un metodo psico/fisico di preghiera ? Anzi secondo la Filocalia quello per eccellenza ( fatti salvi i Sacramenti ovviamente) ….

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.