Irruzione di animalisti in una chiesa, arrivano i carabinieri

Ti è piaciuto? Condividi!

Un gruppo di animalisti ha fatto irruzione in una chiesa della diocesi di Roma (quella di Santa Maria della Cima a Genzano), interrompendo la messa e inscenando una protesta al grido “anche i cani hanno un cuore”. La protesta e l’interruzione di una pubblica funzione (che è un reato penale) è stata inscenata per protestare contro il parroco perché qualche giorno prima aveva invitato una donna – che aveva pensato di potere entrare con il suo cane nel luogo sacro – ad uscire dalla chiesa.

I carabinieri di Genzano, immediatamente avvertiti dai fedeli, al loro arrivo hanno identificato quattro-cinque persone che indossavano una pettorina dicendosi animalisti. Il parroco ha raccontato l’accaduto ed ha spiegato ai militari che il gruppetto che aveva interrotto la messa era composto da 15-20 persone. Non sono mancate sui social network i commenti degli utenti. Assunta commenta: «io vado in Chiesa per pregare e restare in ascolto del Signore, non per distrarmi con cuccioli, per quello vado al parco».

Laura mette a confronto indebitamente cani e bambini: «sta alla educazione delle persone, a mio modesto parere, capire se il cane o il bambino dà fastidio. Nel caso del cane, magari questa signora non aveva a chi lasciarlo ma non voleva perdere la Messa. Non siamo sempre così pronti a giudicare senza conoscere le situazioni. Poi sul fatto che gli animali in Chiesa non dovrebbero essere portati perché luogo Santo e di preghiera posso anche concordare. L’importante secondo me, che non ci sia disturbo durante la Messa, è giusto che ognuno abbia la possibilità di raccogliersi».

Scrive Paola: «io amo moltissimo gli animali, tutti gli animali, ma mi pare davvero irrispettoso portarli a messa». «Portateci i vostri figli in chiesa che ne hanno bisogno e gli animali lasciateli liberi in campagna poiché anche loro meritano quella libertà che Gesù ha dato loro!», scrive Valeria. Commenta sarcastico Gilberto: «cent’anni senza prete e la gente finirà per adorare gli animali (santo Curato d’Ars)».

Davide sospetta: «è stato sicuramente tutto architettato… la signora con il cane sicuramente è stata mandata per creare il pretesto dell’interruzione di una funzione religiosa». Renato conclude: le bestie, qualsiasi esse siano, non devono entrare in chiesa. Le si può amare e rispettare, ma un luogo sacro è sacro…».

Matteo Orlando

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Un pensiero su “Irruzione di animalisti in una chiesa, arrivano i carabinieri

  • Avatar
    27/02/2017 in 11:03 PM
    Permalink

    I cani non possono entrare in chiesa non per cattiveria ma per una forma di rispetto nei luoghi sacri dove si celebra il memoriale del Sacrificio di Gesù

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.