In Martinica un giubileo della misericordia "esorcistico" | lafedequotidiana.it

In Martinica un giubileo della misericordia “esorcistico”

Ti è piaciuto? Condividi!

david macaireCon una lettera pastorale ai suoi fedeli, monsignor David Macaire, Arcivescovo di Saint-Pierre et Fort-de-France (Martinica) indica che direzione intende dare al Giubileo di misericordia sull’isola caraibica. «Chiedo a tutti», scrive, «di prendere in considerazione la chiamata di Dio a una misericordia passiva (ricevere misericordia) e attiva (fare misericordia). In Martinica, grandi riconciliazioni devono rompere i circoli viziosi e infernali che hanno distrutto la nostra vita e quella dei nostri figli per decenni. Siamo invitati ad entrare in questo giubileo e a donare misericordia: tra noi e i nostri antenati, vicini o lontani. Pregate per recidere tutti i legami ricevuti da un retaggio negativo che è al di là di noi. Con la nostra intercessione per i defunti, arrivi sulle nostre famiglie una pioggia di benedizioni. Vi chiedo di celebrare Sante Messe e pregare per i defunti, e insegnare ai giovani a farlo».

Rilevando che tra le componenti del popolo ci sono vari divergenze (tra “békés” e neri, tra neri e “coolis”, tra creoli e metropolitani), l’arcivescovo aggiunge che «disprezzi, maledizioni, estorsioni, violenze sono presenti da una parte all’altra del nostro paese. Solo una grande dose di amore e una quantità di gesti di riconciliazione ci può liberare da questa eredità. Vi chiedo di fare le cose semplici ma con veri sentimenti di amicizia e fratellanza con tutti, andando incontro a coloro che sono di un “mondo” diverso. Vi chiedo di rinnovare, ad ogni livello, i rapporti di lavoro nella giustizia e nella verità. Sono convinto che la Divina Misericordia può rompere le porte di molte prigioni» (il vescovo ricorda il disprezzo e il dominio dell’uomo sulla donna, la gelosia tra donne, i bambini con padri assenti, violenti, adulteri; gli abusi sessuali e le pratiche occulte)

«Vi chiedo di perdonare coloro che vi hanno offeso! Il metodo spirituale che vi propongo è questo: que chacun détache les yeux de son cœur, de sa propre blessure, pour considérer la fracture de l’autre». Questo considerare “la frattura dell’altro” è lo stile del Padre del Figlio Prodigo che «invece d’attaccarsi al peccato che ha fatto suo figlio, pensa solo a curare uno che fa male». «È difficile», riconosce il vescovo, «ma è l’unico modo possibile per la felicità e la libertà! In questo Giubileo della Misericordia operiamo grandi riconciliazioni, per liberarci davvero dalle nostre catene».

Matteo Orlando

Michele M. Ippolito

Michele M. Ippolito

Direttore di LaFedeQuotidiana.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.