Il vescovo Vera Lòpez: “I gay sono i salvatori della Chiesa”

Ti è piaciuto? Condividi!

Raul VeraDavanti un uditorio che non superava le 80 persone, in un centro per pellegrini di Roma (Santa Teresa Couderc), il vescovo messicano Raúl Vera López ha affermato che gli attivisti delle lobby gay che si dichiarano cattolici e non condividono la retta dottrina, sono in realtà “los salvadores de la Iglesia” (“i salvatori della Chiesa”).

Monsignor Vera, che nel 2011 ha anche difeso la depenalizzazione dell’aborto, è stato il principale relato dell’evento chiamato “Ways of Love”, organizzato nei giorni scorsi tra l’altro dall’European Forum dei gruppi “cristiani” LGBT.

Il Forum ha promosso la creazione di una rete di attivisti LGBT di tutto il mondo (Stati Uniti, Germania, Cile, Kenya, e altri) denominato Global Network of Rainbow Catholics, che ha come suoi obiettivi immediati combattere le azioni e le parole dei vescovi afrcani durante il Sinodo della Famiglia, visto che al Sinodo preparatorio del 2014, i vescovi dell’Africa hanno svolto un ruolo importante nella difesa della famiglia naturale fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna.

Questo gruppo LGTB riceve finanziamenti dal Fondo Fastenopfer e da un importante fondazione degli Stati Uniti. La conferenza alla quale ha partecipato monsignor Raul Vera è stato tenuta sabato scorso, il giorno prima dell’apertura del Sinodo (che si concluderà il 25 ottobre), e mirava a presentare la prospettiva delle lobby gay. Nel suo discorso in lingua italiana, che è durato poco più di un’ora, il vescovo messicano ha spiegato alcune delle ragioni che, secondo lui, favoriscono le unioni omosessuali. Citando discutibilmente una serie di passi della Bibbia, in particolare il Vangelo di Matteo, il libro di Ezechiele e il Vangelo di Giovanni, il vescovo di Saltillo ha assicurato ai presenti che il Papa Francesco ha bisogno degli omosessuali perché “sono i salvatori della Chiesa”.

Per il vescovo messicano, il Santo Padre “ha gettato la dottrina e recuperato il Vangelo dell’amore e della misericordia” . Più volte nel suo discorso monsignor Vera ha definito assurdo qualificare le relazioni omosessuali come “intrinsecamente cattivi”, mettendosi così in netta contrapposizione rispetto al Catechismo della Chiesa Cattolica.

Come parte della sua dissertazione monsignor Vera ha presentato un video in spagnolo nel quale ha mostrato le testimonianze di attivisti gay del gruppo San Elredo della diocesi di Saltillo in Messico che hanno espresso il gradimento per la pastorale di “accoglienza” dell’ideologia delle lobby LGBT che questo vescovo pratica nella sua diocesi.

Con un atteggiamento di un po’ di disprezzo verso la famiglia naturale fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna, monsignor Vera ha letto una lettera di un gay sposato con un altro uomo in Messico, e l’ha definita una lettera che offre un “bel contributo ed è profetica”. Il Vescovo ha anche detto che questi attivisti gay sono “profeti” da seguire in marcia “cambiare la Chiesa e il mondo”.

Nel mese di aprile di quest’anno, monsignor Vera ha deciso di mantenere al suo posto di sacerdote Adolfo Huerta Alemán, che ha dichiarato ad un giornale che teneva relazioni sessuali con frequenza e che se Dio “existía o no le valía ‘madres’”. Subito dopo un forte intervento del Vaticano sul caso, il sacerdote è stato rimosso.

In un altro esempio di disprezzo per il Magistero della Chiesa monsignor Raúl Vera ha assicurato che le persone omosessuali si formano nel vente materno ed ha chiamato “perversa” una donna che gli aveva espresso la sua preoccupazione per lo stile di vita gay del figlio.

C’è da ricordare che dopo che questo vescovo domenicano nella sua diocesi si era espresso a favore delle unioni omosessuali, alcuni fedeli hanno collocato un cartello presso la Cattedrale di Saltillo nella quale si leggeva “queremos un Obispo católico” (“vogliamo un vescovo cattolico”).

Matteo Orlando

Michele M. Ippolito

Michele M. Ippolito

Direttore di LaFedeQuotidiana.it

22 pensieri riguardo “Il vescovo Vera Lòpez: “I gay sono i salvatori della Chiesa”

  • Avatar
    9 Ottobre 2015 in 19:08
    Permalink

    E nessuno dalla Santa Sede ha risposto alla richiesta dei fedeli così ben espressa nel cartello…

    Risposta
  • Avatar
    9 Ottobre 2015 in 22:26
    Permalink

    Purtroppo non si è mosso ancora nessuno in Vaticano…

    Risposta
    • Avatar
      10 Ottobre 2015 in 9:49
      Permalink

      Per forza non si è mosso nessuno, e neanche si muoverà nessuno, dato che hanno costretto alle dimissioni il vero Vicario di Cristo, ossia Benedetto XVI° ed eletto invalidamente un impostore gesuita massone eretico al suo posto. Siamo nei famosi 42 mesi di dominio del demonio di cui l’apocalisse dice: (Ap 13, 5-10) “Alla bestia fu data una bocca per proferire parole d’orgoglio e bestemmie, con il potere di agire per quarantadue mesi. Essa aprì la bocca per proferire bestemmie contro Dio, per bestemmiare il suo nome e la sua dimora, contro tutti quelli che abitano in cielo. Le fu permesso di far guerra contro i santi e di vincerli; le fu dato potere sopra ogni stirpe, popolo, lingua e nazione. L’adorarono tutti gli abitanti della terra, il cui nome non è scritto fin dalla fondazione del mondo nel libro della vita dell’Agnello immolato.
      Chi ha orecchi, ascolti:
      Colui che deve andare in prigionia,
      andrà in prigionia;
      colui che deve essere ucciso di spada
      di spada sia ucciso.
      In questo sta la costanza e la fede dei santi.
      Bergoglio ha il compito di portare la Chiesa Cattolica verso la dissoluzione, attraverso il trascinamento delle moltitudini verso la Grande Apostasia e l’imposizione di un falso idolo e delle sue false dottrine, e si è circondato ed ha dato fiato e potere alla feccia umana che è riuscita ad infiltrarsi nella chiesa cattolica dal Concilio Ecumenico vaticano II° in poi, sacerdoti, frati, suore, vescovi e cardinali, teologi che bestemmiano contro Dio esternando, esattamente come Bergoglio, eresie intollerabili e gravissime, confondono i fedeli e trasformano il bene in male ed il male in bene, esattamente come questo servo di satana di falso vescovo. ma l’ira di Dio sta per scatenarsi in tutta la sua potenza e di questi idolatri di satana non resterà traccia sulla terra, perchè quando Gesù Cristo tornerà con le vesti intrise del sangue dei martiri con le sue schiere di Angeli Sterminatori, estirperà questa schiera di demoni e per loro sarà solo desolazione e stridore di denti per l’eternità.

      Risposta
      • Avatar
        11 Ottobre 2015 in 13:20
        Permalink

        eresie intollerabili e gravissime? Ad esempio?

        Risposta
  • Avatar
    10 Ottobre 2015 in 7:10
    Permalink

    Questo vescovo dovrebbe venire immediatamente rimosso dalla Chiesa, però dovremo aspettare un altro papa…

    Risposta
  • Avatar
    10 Ottobre 2015 in 10:02
    Permalink

    E secondo te Nostro Signore Gesù Cristo poteva lasciare la sua Chiesa senza una guida, venendo meno ha quello che ha detto e insegnato nei Vangeli a proposito del primato petrino?

    Risposta
  • Avatar
    10 Ottobre 2015 in 10:57
    Permalink

    Ma la scomunica e la sospensione a divinis, nel caso di tali eresie palesi e conclamate, non si usano più?

    Risposta
    • Avatar
      12 Ottobre 2016 in 16:28
      Permalink

      Il Papa dovrebbe, in questo caso, scomunicare se stesso.

      Risposta
  • Avatar
    10 Ottobre 2015 in 15:01
    Permalink

    Sei un povero massone perche ti sei fatto prete a fare? A marzo forse non ci arriverai la santissima Madre a vicenza a detto che il mondo finirano questa quaresima. Tante cose.

    Risposta
    • Avatar
      13 Ottobre 2016 in 16:04
      Permalink

      Mi dispiace per te fratello sei stato ingannato ci sono i 10 segreti di Medjugorje in atto .a marzo ti accorgerai che sei stato ingannato! Ciao

      Risposta
  • Avatar
    10 Ottobre 2015 in 17:05
    Permalink

    Ma questo pseudo vescovo ha mai letto S.Paolo ai Romani cap. 1, glielo consiglio…

    Risposta
    • Avatar
      14 Ottobre 2015 in 19:23
      Permalink

      Carissimo amico
      Io Romani 1 lo conosco come passo e credo sia abbastanza stupido (per non dire di comodo) scorporare il versetto 18 dal resto: come tutta la retorica greca (Aristotele e poi, siamo a Roma, Quintilliano) le figure retoriche sono elementi del contenitore più grande, il Discorso. Una lettura generale di tutto il capitolo 1 (e magari di Romani preso come documento integrale) rivela la condanna verso TUTTI: quindi se uno prende un versetto di comodo per “lavarsi le mani” lo fa dimenticandosi che, secondo Romani stessi, la condanna è di tutta la creazione e non solo di una parte. Cosa capita allora che muove qualcuno a lanciare strali allegramente: siamo davanti all’unico esempio in tutte le Scritture Greche in cui si parla di gay e lesbiche, o meglio, del modo diverso di vivere il sesso che dovrà sicuramente aver lasciato basito un Fariseo ellenico (perchè tale rimase fino all’ultimo dei suoi giorni, oggi parleremmo di un “cristiano messianico”, con buona pace di tutti gli “antigiudaici” alias razzisti mascherati). La grecità classica aveva un orientamento sessuale impossibile da paragonare rispetto al 2015 e la romanità imperiale ancora diversa, per cui utilizzare romani 1:18 come metro di paragone per giudicare la post-modernità è, come minimo, discutibile. Per natura non amo l’apologia (con tutto il rispetto dei grandi oratori del passato che sono stati maestri di quest’arte) e so che spesso siamo davanti a un “dialogo tra sordi”, mi piaceva far comprendere come (e non solo sui temi che si occupano del comportamento sessuale personale) leggere decontestualizzata la Bibbia sia estremamente pericoloso e come pratica vada decisamente rigettata, poi la lettura confessionale e spirituale è sempre un altra cosa: io amo quella scientifica, ma questo rimane comunque un parere personale. Cordialmente.

      Risposta
  • Avatar
    15 Ottobre 2015 in 23:50
    Permalink

    Gilberto il tuo intervento è davvero incomprensibile. cerchi di arrampicarti sugli specchi…

    Risposta
  • Avatar
    28 Ottobre 2015 in 18:51
    Permalink

    I frutti del Concilio Vaticano II

    I parte: il criptofascismo al Concilio Vaticano II
    II parte: le citazioni di Nostra Aetate e le risposte
    III parte: la più grande catastrofe del XX secolo

    I parte: il criptofascismo al Concilio Vaticano II

    Il 28 ottobre 1965 è stata proclamata la dichiarazione Nostra Aetate. Con questo è stato sciolto lo spirito – il demone della menzogna e della morte, il quale in 50 anni ha causato la situazione catastrofica nella Chiesa e nel mondo. Ha di fatto liquidato la vera missione ed ha aperto la porta ad una falsa missione all’interno del cristianesimo!
    Lo spirito delle eresie, sciolto dal Concilio, attraverso i termini ambigui promuove di nascosto la menzogna e la morte. Nascondendosi dietro i termini positivi, questo spirito della menzogna e della morte è passato anche in ambito politico degli USA e dell’UE. Qui questo spirito di neofascismo promuove la globalizzazione suicida dei popoli. Insieme con la legalizzazione dell’omosessualità (Lgbtq) viene promossa la legalizzazione il rapimento dei bambini e loro demoralizzazione. Ad esempio, il termine “i diritti dei minorenni” in pratica significa la più grande crudeltà – il rapimento dei bambini dai genitori e la loro tirannia, addirittura attraverso la violenza sessuale, e, perfino, la loro satanizzazione. Con il termine “la violenza in famiglia”, in realtà, si sta liquidando una sana educazione. Cosiddette “leggi antidiscriminatorie” introducono illegalità nei confronti di maggioranza di società: puniscono coloro i quali difendono i propri figli dal terrore di pervertiti sessuali. I genitori marchiano come omofobi e li condannano per 3 anni di carcere. Attraverso il cosiddetto “diritto all’abbandono degno di vita” si legalizza l’eutanasia – omicidio di massa di cosiddette “inutili bocche da sfamare”, e oggigiorno anche le persone sane e giovani. Con il termine “i diritti dell’uomo” promuovono tutte le perversioni sessuali: cominciando con omosessualità, pedofilia e terminando con zoofilia, necrofilia… Il cosiddetto “diritto alla custodia della salute” tramite la vaccinazione obbligatoria in realtà provoca la sterilità e storpia i bambini. I fascisti usavano anche termini positivi. Conducendo gli uomini alla morte in camere di gas, mentivano loro, dicendo che si tratta di pulizia e igiene del corpo.
    Nel 1965 sono passati 20 anni dopo la guerra, ma criptofascisti ecclesiali tedeschi hanno promosso questo spirito della morte dentro la Chiesa attraverso le eresie e il sincretismo. Dietro il fascismo e la Seconda guerra mondiale era la filosofia di Nietzsche. Dietro il Concilio Vaticano II è stato lo spirito delle eresie dei teologi tedeschi, i quali avevano anche loro lo spirito di criptofascismo, lo spirito della morte – lo spirito di Nietzsche. Al Concilio Vaticano II hanno usato i termini positivi con lo spirito di menzogna e di morte, usati dai fascisti. E così è iniziato l’olocausto nascosto della Chiesa e dell’umanità.
    Nel 1965 nei paesi cristiani veniva promossa di massa lo yoga dall’induismo come parte di una nuova religione New Age. Allo stesso tempo si propagavano le meditazioni del buddhismo e le arti marziali con lo scopo di fare la missione pagana tra i popoli cristiani. Il Vaticano li ha preparato la strada, e, invece di essere la voce profetica, è diventato la voce del falso profeta. Il cardinale König ha fatto entrare nell’arena mondiale il rappresentante del buddhismo tibetano – il dalai-lama, il quale si proclama dio reincarnato e da quel tempo fa una falsa missione attiva nei territori cristiani. Con il decreto Nostra Aetate il Vaticano ha pienamente liquidato la difesa all’interno della Chiesa dall’invasione del paganesimo e allo stesso tempo ha paralizzato la vera missione cristiana. Questa via dell’apostasia due decenni successivi sosteneva Giovanni Paolo II con il gesto ad Assisi.
    Nostra Aetate in modo indiretto approva tutte le forme dell’occultismo, cioè la divinazione, la magia e lo spiritismo. Secondo Galati 1, 18, il frutto del peccato contro il Primo Comandamento di Dio è l’omosessualità e tutte le forme di perversità sessuali. Già oggi la guida degli USA e dell’UE hanno fatto queste perversità come la priorità di loro politica, in particolar modo nei paesi dove la maggioranza degli abitanti sono i cristiani. Però, dopo perversa l’omosessualità viene lo spirito della morte che si manifesta attraverso la catastrofe esteriore oppure per mezzo l’autodistruzione, ora di interi popoli. La globalizzazione con antileggi autogenocidi ha oggi un solo obbiettivo – la distruzione dell’umanità, riducendola al cosiddetto miliardo d’oro.
    La falsa missione compiono non solo il buddhismo o l’induismo, ma anche musica rock, la quale ha le sue radici in vudù satanico. Anche transessualità sostiene che l’uomo può essere una donna, e al contrario: la donna può essere un uomo. Questa affermazione pazzesca è veramente segno di oscurità pagana che non distingue più la verità dalla menzogna, la realtà dall’irrealtà e non distingue perfino il Dio dal diavolo, perché in buddhismo e induismo tutto sarebbe la stessa cosa (koan, nirvana). Qui si tratta di perdita della coscienza e della ragione. Attualmente pseudopapa Francesco sta propagando questo programma satanico, baciando i piedi agli transessuali, incontrandosi in primo luogo con omosessuali e con silenzio sostenendo il processo addirittura dell’approvazione ecclesiastica dei “matrimoni” degli omosessuali. Inoltre, il 6 settembre 2015 Francesco fa un progetto dell’islamizzazione dell’Europa a largo formato: in ogni parrocchia, in ogni convento e in ogni santuario dell’Unione Europea accogliere una famiglia musulmana. Il Vaticano ha oggi l’unità di spirito con quelli che promuovono la globalizzazione mondiale e il satanismo. In 50 anni è stato compiuto il motto del Concilio Vaticano II “aggiornamento” (conformarsi al mondo), e anche la propaganda del paganesimo, iniziata con decreto Nosrea Aetate. Questo è il tradimento di Cristo, della Chiesa ed espulsione dello Spirito Santo. Si arriva a infettare gli ultimi membri della Chiesa attraverso una falsa obbedienza alla struttura apostatica. Rimane solo di inserire chip sulla mano e sulla fronte con il numero della bestia 666. Di quello scrive la Bibbia. Anche con la chipizzazione il Vaticano ha già fatto il primo passo. Questo è l’abominio di desolazione nell’luogo sacro, del quale parla Gesù, mentre ricorda il profeta Daniele. Il sacrificio continuo (la Liturgia) è stata già tolta da tutti vescovi e sacerdoti che sono in unità con Vaticano apostatico! Il sacerdote che esprime la sua unità con pseudo papa Francesco, rivela pubblicamente che la Messa celebra invalidamente!
    Il filosofo tedesco Nietzsche è considerato il padre spirituale del fascismo. I campi di concentramento sono i frutti della sua ideologia su superuomo e razza pura. L’induismo e il buddhismo insieme con la filosofia di Nietzsche hanno la stessa radice demoniaca di menzogna professionale, coperta da termini positivi. La morte è loro frutto. Attualmente questo spirito si è incarnato nella Chiesa per mezzo del Concilio Vaticano II e nei popoli cristiani, e perciò, loro oggi già da loro stessi approvano leggi autogenocidi per la propria l’autodistruzione. Se il cristianesimo fosse difeso dalle eresie e dallo spirito del Concilio Vaticano II, non avremmo la situazione catastrofica in Europa e in America, causata dal neofascismo del Nuovo ordine mondiale. Il Vaticano ha creato delle condizioni per la satanizzazione dei territori cristiani.
    La filosofia scolastica fu costruita sui principi sani del modo di pensare dell’uomo e sul rispetto di verità oggettiva, delle leggi morali, della giustizia, e infine del senso e della mèta della vita umana.
    Nel 1945 il fascismo è stato sconfitto fisicamente, ma, purtroppo, non spiritualmente. Il protestante Bultmann, il massimo rappresentante del metodo storico-critico, in unità con teologi cattolici tedeschi hanno conservato questo spirito di criptofascismo. Con termini positivi, nell’uso dei quali Nietzsche era specialista, attaccavano le verità fondamentali di fede cristiana ed introducevano lo spirito di eresie. La tragedia sta in quello che questo spirito di Nietzsche, lo spirito dell’anticristo, lo spirito delle eresie e del paganesimo è entrato attraverso i teologi tedeschi nel Concilio Vaticano II. Dietro il buddhismo, Nietzsche e fascismo è lo stesso spirito. Dicono, che Hitler tra i consiglieri aveva 4 monaci buddhisti dal Tibet.
    Ora, dopo 50 anni vediamo i frutti. Questo spirito del Concilio – spirito di menzogna e di manipolazione con termini, è entrato in psicologia, sociologia, politica, e, sotto termini positivi, conduce all’autodistruzione dei popoli e dell’umanità.
    Perciò, la colpa principale per globale e pianificato autogenocidio dei popoli e dell’umanità ha il Concilio Vaticano II, perché non ha lottato con le eresie, perché non ha lottato contro lo spirito del paganesimo, ma al contrario, nel momento decisivo gli ha aperto la porta. In 50 anni in Europa hanno abolito il Decalogo e tutte le leggi morali ed hanno proclamato l’antidecalogo del Trattato di Lisbona con la priorità di antileggi e sodomia.
    La citazione da Nostra Aetate: “la Chiesa esecra, come qualsiasi discriminazione tra gli uomini e persecuzione perpetrata per motivi di razza e di colore, di condizione sociale o di religione”.
    Proprio questa affermazione si trova nel Trattato d Lisbona. In Nostra Aetate è assente solo il termine “orientazione sessuale”, ma qui si trova in modo nascosto sotto il termine “qualsiasi forma di discriminazione”. Il termine “discriminazione” è usato nello stesso spirito nel Catechismo della Chiesa Cattolica (CCC), il quale di nascosto propaga l’omosessualità.
    Il termine “diritti dell’uomo” esprime tutti diritti umani e intera giustizia. Ma sotto il termine “discriminazione” viene introdotta la discriminazione di 99% della popolazione. Ai criminali e pervertiti sessuali vengono consegnati i privilegi e si sta liquidando la famiglia tradizionale. È interresante, che questo principio di manipolazione con i termini positivi, il quale ha accolto l’UE, è stato già programmato e formulato in documento Nostra Aetate.
    Sotto la bandiera del divieto della discriminazione religiosa vengono promosse tutte le sette, includendo quelle, che fanno il terrorismo, esercitano il contrabbando delle droghe e delle armi. I fedeli ortodossi (di retta fede), invece, perseguitano, e qui non parlano più della loro discriminazione. Al contrario, li discriminano come omofobi. L’ideologia, che promuove l’omosessualità e rispetto di religioni pagane, ha un comune principio: le vittime puniscono perché si difendono dai criminali, ma la difesa della fede e della morale viene considerata come la discriminazione degli aggressori.
    Questo spirito di menzogna e di morte in documento Nostra Aetate si nasconde dietro la cosiddetta posizione antidiscriminatoria nei confronti del paganesimo: “condanna qualsiasi forme di discriminazione”. In realtà, questo significa, che il cristianesimo non ha il diritto di difendersi dall’invasione del paganesimo. Ma ciò conduce all’autodistruzione.
    Nei documenti conciliari non si sottolinea l’essenza dell’identità cristiana, e neanche il pentimento. Non è stato proclamato un avvertimento attuale davanti al pericolo delle eresie e di forte influenza del paganesimo, in primo luogo dell’induismo e del buddhismo.
    Oggi la Chiesa cattolica non è più né colonna di verità, né voce profetica. Invece di avvertire davanti alle influenze distruttive, crea delle condizioni con parole e gesti!
    Pseudo papa Francesco ha proclamato l’islamizzazione d’Europa a largo formato (l’anatema su Bergoglio è stato proclamato il 15 settembre 2009). Dappertutto, dove lui viene, con suoi gesti promuove la depravazione morale, l’omosessualità, transessualità e tutte le perversità sessuali – bacia i piedi agli transessuali; in Casa Bianca saluta transessuali e omosessuali, augura ad una lesbica il successo nel lavoro e in questa occasione saluta la sua partner; durante suoi viaggi all’estero al primo piano mette gli incontri con omosessuali e loro “partner”… Davanti a tutto il mondo fa vedere che lui considera l’omosessualità come la priorità. Quando con lui voleva incontrarsi la lottatrice per i valori umani, la quale è stata perseguitata ed imprigionata solo perché non voleva approvare il cosiddetto “matrimonio” degli omosessuali, Francesco quel incontro ha chiamato solo una formalità. Con questi gesti lui fa vedere che vescovi, sacerdoti e tutti cattolici devono imitarlo. Ma questo è il tradimento di Cristo e la strada verso l’inferno. Questi sono i frutti del Concilio Vaticano II, soprattutto del documento Nostra Aetate. Questo spirito guida tutta la struttura della Chiesa cattolica così, che ora nessuno può dire qualcosa contro il peccato e contro le perversità, e, perfino, non può dire che sono delle perversità. Al contrario, il peccato devono chiamare amore, tolleranza, diritto, misericordia… Quest’anno in Germania i superiori dei conventi hanno manifestato per la legalizzazione ecclesiale dell’omosessualità e l’hanno chiamato “il diritto a partnership eccellente”. Il Vangelo, la Tradizione degli apostoli e la Tradizione bimillenaria della Chiesa cattolica sono ormai negati. La Chiesa cattolica ufficiale (la gerarchia) ha dimostrato che essa non è più cattolica, ma eretica ed apostatica!

    + Elia
    Patriarca del Patriarcato Cattolico Bizantino

    + Metodio, OSBMr + Timoteo, OSBMr
    Vescovo-segretario Vescovo-segretario

    16 ottobre 2015
    http://vkpatriarhat.org.ua/it/

    Risposta
    • Avatar
      14 Ottobre 2016 in 23:40
      Permalink

      Ah, ora il fascismo è a favore dei “gay”?
      Certo che ‘sti bizantini ne raccontano barzellette 🙂 🙂 🙂

      Risposta
  • Avatar
    13 Ottobre 2016 in 12:46
    Permalink

    QUALCUNO STA BESTEMMIANDO CHE IL SIGNORE GESÙ CRISTO ERA GAY?

    Risposta
  • Avatar
    13 Ottobre 2016 in 13:29
    Permalink

    Questo “personaggio” , che oltre a non definire vescovo non definisco nemmeno cristiano, è palesemente un eretico.
    C’è anche una grande possibilità che sia indemoniato, viste le diavolerie che ha pronunciato. Quindi… VADE RETRO !!
    Io non vorrei essere nei loro panni. Distruggere la Dottrina e seminare scandali è grave.
    Lasciamo che i falsari lo osannino: ad esempio il sito Gayburg.
    Quando ci vedremo davanti al tribunale ultimo vedremo chi era pazzo.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.