Il nuovo arcivescovo di Bologna sarà Matteo Maria Zuppi

Ti è piaciuto? Condividi!

ZuppiPapa Francesco ha scelto: monsignor Matteo Maria Zuppi con molta probabilità sarà il nuovo Arcivescovo di Bologna. Il Resto del Carlino di Bologna riporta che “il nome di Matteo Maria Zuppi è scritto sul documento che la Congregazione per i Vescovi ha inviato a papa Francesco per la successione bolognese a Carlo Caffarra. Ora si attende che il Pontefice ratifichi le conclusioni a cui è arrivato la Congregazione che si occupa di individuare i nuovi titolari delle diocesi”.

In attesa della decisione definitiva del Papa possiamo ricordare che monsignor Zuppi, classe 1955. Monsignor Zuppi, ordinato l’11 maggio 1981, ha operato per tanti anni con la Comunità di Sant’Egidio, mettendosi al servizio dei ragazzi più poveri che abitano nelle baracche della periferia romana e contribuendo alla fondazione della scuola popolare. Come viceparroco della Basilica di Santa Maria in Trastevere, diventa il prete degli intellettuali come dei tossicodipendenti e partecipa anche a diversi progetti missionari nell’Africa Australe e Sub-Sahariana, dai semplici aiuti umanitari fino alla trattativa per la liberazione di ostaggi. Nel 1990 svolge il ruolo di mediatore per porre fine alla sanguinosa guerra civile del Mozambico, arrivando alla firma degli accordi di pace il 4 ottobre 1992. Dopo questo traguardo, ha lavorato a fianco di Nelson Mandela per la pace in Burundi e nel 2012 Benedetto XVI lo ha nominato vescovo ausiliare della diocesi di Roma e assistente ecclesiastico generale della Comunità di Sant’Egidio. Adesso la missione si allarga all’Arcidiocesi di Bologna come principale responsabile, successore di due grandissimi cardinali (Biffi e Caffarra), che tanto hanno seminato in un “terra rossa” per eccellenza.

Matteo Orlando

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Un pensiero su “Il nuovo arcivescovo di Bologna sarà Matteo Maria Zuppi

  • Avatar
    27 Settembre 2015 in 14:11
    Permalink

    Rif: “Il nuovo arcivescovo di Bologna sarà Matteo Maria Zuppi”
    Vogliamo un gran bene a don Matteo, di qualità “Francesco DOC”. Speriamo e preghiamo che la notizia non sia una fuga finalizzata a bruciarne la candidatura
    (anche se Papa Francesco non si lascia certo condizionare da eventuali giochetti di “sottobosco”).

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.