Il cardinale Robert Sarah: “Basta con l’intrattenimento nelle liturgie, così non c’è più posto per Dio”

Ti è piaciuto? Condividi!

Il cardinale Robert Sarah
Il cardinale Robert Sarah

Il cardinale Robert Sarah, prefetto della Congregazione del Culto Divino e della Disciplina dei Sacramenti, nel corso di un intervento sull’Osservatore Romano, si è espresso in maniera dura nei confronti delle modifiche liturgiche che in molte chiese vengono introdotte dai sacerdoti: “Su questi punti – scrive – l’insegnamento del Concilio Vaticano II è stato spesso distorto.” In particolare, Sarah ha affermato che “il celebrante non è il conduttore di uno spettacolo” riprendendo il pensiero di papa Francesco. “Non deve cercare il sostegno dell’assemblea, stando di fronte a loro come se le persone dovessero primariamente entrare in dialogo con lui. Al contrario, entrare nello spirito del Concilio significa stare nel nascondimento, rinunciare alle luci della ribalta.”

Il cardinale Sarah chiede che si torni ad uno stile liturgico più tradizionale, in cui il prete, invece di rivolgersi all’assemblea, si rivolga verso est, “ad orientem”, la direzione da cui Cristo arriverà durante la sua seconda venuta. “Contrariamente a quanto dicono alcuni talvolta, è in piena conformità con la costituzione conciliare che tutti, prete ed assemblea, si girino insieme verso est durante il rito penitenziale, il canto del Gloria, le orazioni e la preghiera eucaristica, per esprimere il desiderio di partecipare all’opera di redenzione compiuta da Cristo. Questa pratica potrebbe essere reintrodotta innanzitutto nelle cattedrali, dove la vita liturgica dovrebbe essere di esempio per tutti.” Inoltre, per Sarah, il secolarismo ha infettato la liturgia: “Una lettura troppo umana ha portato alla conclusione che il fedele deve essere costantemente occupato.”

Sarah nota che troppo spesso il sacerdote cerca di tenere alta l’attenzione dell’assemblea con modalità per nulla ortodosse. “Il modo di pensare occidentale, infarcito dalla tecnologia e deviato dai media, vorrebbe trasformare la liturgia in una vera e propria produzione da spettacolo. In questo spirito, molti hanno cercato di rendere le celebrazioni delle feste. A volte i sacerdoti introducono nelle celebrazioni elementi di intrattenimento. Non abbiamo forse visto la proliferazione di testimonianze, scenette, applausi? Immaginano di allargare la partecipazione dei fedeli, mentre, nei fatti, riducono la liturgia ad una cosa del tutto umana. Corriamo il reale rischio di non lasciare spazio per Dio nelle nostre celebrazioni.”

Michele M. Ippolito

Michele M. Ippolito

Direttore di LaFedeQuotidiana.it

Un pensiero riguardo “Il cardinale Robert Sarah: “Basta con l’intrattenimento nelle liturgie, così non c’è più posto per Dio”

  • Avatar
    19 Agosto 2015 in 11:17
    Permalink

    buon giorno in questo periodo per la seconda volta nel corso della mia vita sto lottando contro il cancro, ma ho fiducia del ns Signore ed accetto la sua decisione. Sono devota alla Madonna che sono andata a pregare nei Santuari di Fatima, Lourdes. e Magiugoric Abito a Bergamo, sabato f il giorno di ferragosto ho assistito ad una celebrazione, io ho 72 anni, dicevo una celebrazione che non vedevo più nelle ns città da tantissimi anni.La processione in onore della SS. Vergine , ma la cosa strana era celebrata con canti e balli dalla comunità peruviana, ed io mi sono chiesta, ricordando quando da piccola a Torino Nel mio quartiere ogni anno si svolgeva questa ed altre processioni seguita da me ed altre bambine vestite con l’abito della prima comunione si spandevano per terra i petali dei fiori intonando tutte le lodi alla Madonna, dal balconi e finestre delle case venivano esposte i copriletto più belli con sopra quadri o fotografie della Madonna. È tutto il quartiere in fila fino al termine della messa in parrocchia.. Vedendo la processione di sabato ho pensato, dove sono finite le ns usanze se ora dobbiamo assistere al rispetto di queste solo attraverso le usanze estere, noi Italiani abbiamo perso completamente
    LA fede? E per quale motivo non ripristiniamo quello che era il nostro culto? grazie per l’attenzione
    Maria Grazia Frassetto

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.