Giuliva Di Berardino: "la Risurrezione di Cristo ci rende sapienti, come Santa Caterina da Siena" | lafedequotidiana.it

Giuliva Di Berardino: “la Risurrezione di Cristo ci rende sapienti, come Santa Caterina da Siena”

Ti è piaciuto? Condividi!

La teologa Giuliva Di Berardino* commenta (in versione testuale e audio) il Vangelo del giorno.

Ecco l’audio

Ecco il testo

IL VANGELO DEL GIORNO: lunedì 29 Aprile 2019
Santa Caterina da Siena, patrona d’Italia e d’Europa

Il Vangelo di oggi ci presenta la preghiera di lode di Gesù al Padre per tutti i figli di Dio che accolgono il dono della Sapienza: “Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così è piaciuto a te!“. Quando pensiamo che essere sapienti significa fare qualcosa di buono o, peggio ancora, osservare un rigore di vita o una serie  di comportamenti o di osservanze, ricordiamoci di queste parole! Non siamo noi a costruirci la nostra santità, non siamo noi a far crescere il dono di Dio, o, almeno, non sono le nostre forze! E’ piuttosto ciò che Dio, nel suo grande amore, fa per noi a darci la forza di gioire, di godere della vita che Lui ci dona! Questa è la grande testimonianza di cui oggi abbiamo tutti bisogno: cristiani felici, cristiani gioiosi, luminosi della luce gloriosa della risurrezione di Cristo, della Sua Sapienza! Questa gioia che ci comunica la Risurrezione di Cristo ci rende sapienti, trasforma il nostro cuore e modifica il nostro rapporto con Dio e con gli altri. E Gesù ci dice: “Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Imparate da me che sono mite ed umile di cuore“. Impariamo da Gesù, non esaltiamoci per la sapienza che riceviamo da Dio, ma condividiamola con chi è umiliato e sfruttato! Portiamo la gioia del risorto e facciamo in modo che tanti risorgano con noi, insieme a Gesù! Oggi chiediamo l’aiuto di Santa Caterina da Siena, grande santa italiana, patrona d’Italia e d’Europa! Preghiamo con lei questo inno alla Trinità e lasciamoci riempire il cuore della gioia di essere figli amati da Dio, pieni della Sua sapienza d’amore!
O Abisso, o Trinità eterna, o Deità, o mare profondo! E che Tu potevi dare a me che Te medesimo? Tu sei un fuoco che arde sempre e non si consuma. Sei Tu che consumi col tuo calore ogni amore proprio dell’anima. Tu sei fuoco che toglie ogni freddezza e illumini le menti con la tua luce, con quella luce che tu mi hai fatto conoscere la tua verità…Tu bellezza sopra ogni bellezza. Tu sapienza sopra ogni sapienza. Anzi, tu sei la stessa sapienza. Tu cibo degli angeli, che con fuoco d’amore ti sei dato agli uomini. Tu vestimento che ricopre ogni mia nudità. Tu cibo che pasci gli affamati con la tua dolcezza. Tu sei dolce senza alcuna amarezza. O Trinità eterna!”.

Mt 11, 25-30

In quel tempo Gesù disse: “Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così è piaciuto a te. Tutto mi è stato dato dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare. Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero”.

* Giuliva Di Berardino è insegnante di Religione Cattolica nella scuola pubblica. Laureata in Lettere Classiche a Roma, ha poi conseguito il Baccellierato in teologia presso la Pontificia Università Antonianum di Roma e la Licenza in teologia liturgica presso l’Istituto di Liturgia Pastorale di Padova. Attualmente è dottoranda nello stesso Istituto. Consacrata nell’Ordo Virginum della diocesi di Verona, mette a servizio della Chiesa la sua esperienza nella danza biblica e nella preghiera giudaico-cristiana guidando laboratori di danza e preghiera, dedicandosi all’evangelizzazione di strada e all’accompagnamento dei giovani. In seguito ai diversi interventi sulla teologia del corpo e della danza e ai numerosi laboratori svolti in Italia e in Europa, di recente ha pubblicato il libro “Danzare la Misericordia”, ed. dell’Immacolata, in cui descrive una vera e propria spiritualità della danza di lode, a partire dalla Bibbia. E’ anche pedagogista del movimento e guida di esercizi spirituali per giovani, religiosi e laici. E’ autrice di un blog dal titolo “Teologia e danza, Liturgia e vita” in cui condivide ogni giorno la meditazione del Vangelo nella rubrica “La Parola danza la vita”.

Per contattare la teologa Di Berardino scrivere a: giuliva.diberardino@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.