Coronavirus, Chiesa Cattolica annulla messe fino al 28 febbraio

Ti è piaciuto? Condividi!

 

Non ci saranno messe, anche la domenica e il mercoledì delle ceneri, fino alla fine del mese. È questa la decisione della Chiesa Cattolica di Hong Kong.
La crescente minaccia del coronavirus ha costretto i funzionari cattolici del territorio autonomo nel Sudest della Cina a sospendere tutte le attività della chiesa dal 15 al 28 febbraio.
Il cardinale John Tong, amministratore apostolico di Hong Kong, ha affermato che la decisione è stata presa “perché le prossime due settimane saranno un momento cruciale per sopprimere l’epidemia”.
“Alcuni membri della chiesa possono essere delusi”, ha detto il cardinale. “Questa non è una decisione facile”.
Hong Kong, che ha confini aperti con la Cina, ha riportato 50 casi confermati di coronavirus e un decesso. La densamente popolata Regione amministrativa speciale cinese (7,4 milioni di persone) è in allerta per controllare il coronavirus, poiché migliaia di persone hanno attraversato la Cina continentale per evitare l’infezione.
“In questo momento difficile”, i cattolici devono “approfondire la loro fiducia in Dio e mettere in pratica l’amore cristiano per i nostri vicini e tutte le persone”, ha detto il cardinale.
Il cardinale Tong ha spiegato che i cattolici devono comunque adempiere il precetto domenicale, previsto dal Terzo Comandamento, guardando la messa online, facendo un atto di comunione spirituale e meditando sulle Scritture e dicendo il Santo Rosario a casa.
Il porporato ha invitato i cattolici ad aiutarsi a vicenda, a condividere materiali anti-epidemici, a vivere le virtù evangeliche della fede, della speranza e dell’amore, a pregare gli uni per gli altri.
Come parte degli sforzi per arrestare l’epidemia di coronavirus, Hong Kong ha creato una serie di campi di quarantena per isolare le vittime. Finora, circa 2.200 persone sono state collocate in campi di quarantena a Hong Kong e alcune persone hanno criticato il governo per aver allestito i campi nelle aree residenziali.
Le nuove norme obbligatorie sulla quarantena sono entrate in vigore l’8 Febbraio. Le persone che lasciano i campi senza permesso commettono un reato punibile con una pena detentiva di sei mesi ha detto il governo locale.
Con i prezzi dei beni di prima necessità in ascesa e l’indisponibilità delle maschere mediche, diversi residenti hanno fatto irruzione nei supermercati e nelle farmacie, sfidando le autorità.
Le scuole di Hong Kong estenderanno le chiusure fino al 16 marzo, ha dichiarato Kevin Yeung, segretario all’istruzione di Hong Kong.
Il governo ha dato ai suoi 176 mila dipendenti pubblici la possibilità di lavorare da casa fino al 23 febbraio, questo per ridurre il rischio di diffusione del virus.

MATTEO ORLANDO

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.