Il vescovo Ricchiuti: “la politica non corra dietro, per motivi elettorali, a sovranismi e populismi”

Ti è piaciuto? Condividi!

 

“Il Mediterraneo torni ad essere mare di pace e dialogo”: Monsignor Giovanni Ricchiuti, vescovo di Altamura -Gravina, e soprattutto Presidente Nazionale di Pax Christi presenta in questo modo Mediterraneo frontiera di pace”, l’ incontro di spiritualità e preghiera che prende le mosse oggi a Bari e finisce  domenica 23 con la messa celebrata a Piazza Prefettura da Papa Francesco e vede la presenza dei vescovi delle chiese cattoliche appartenenti ai Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Ecco in sintesi il programma  di oggi e domani. Si parte con l’ attesa relazione del cardinale Gualtiero Bassetti, Presidente Cei, a seguire quella di Monsignor Antonino Raspanti che presenterà i particolari della manifestazione. Domani, dopo la messa mattutina nella cripta della Basilica di San Nicola, prendono avvio i tavoli di conversazione, in serata  recita della preghiera del vespro. Ed ecco Monsignor Giovanni Ricchiuti.

Eccellenza Ricchiuti, quale è il significato dell’ assise barese?

” Mi permetta bonariamente di correggere. Si tratta di un evento, molto rilevante,  di tutta la Chiesa cattolica che ha voluto convocare a Bari i vescovi delle conferenze episcopali appartenenti ai Paesi del Mediterraneo. Lo scopo è chiaro: sensibilizzare tutti, specie le istituzioni politiche nazionali ed europee affinchè questo bellissimo mare ricco di storia, torni ad essere quello che sempre è stato, ovvero luogo di scambio, di comunicazione, pace, dialogo tra religioni e culture e non cimitero , come sta accadendo. Sempre più spesso, infatti, il Mediterraneo si trasforma in via di fuga per chi scappa da guerre, persecuzioni, fame, disperazione e trova in molti casi porte e porti chiusi”.

Che cosa chiedete alla politica?

” Che sappia e voglia adottare decisioni unitarie, sagge ed umane, evitando di correre dietro per motivi elettorali a sovranismi e populismi”.

Che cosa vi aspettate?

” Saremmo ingenui se dicessi risultati immediati, ma il solo fatto di aver riunito qui tanti vescovi di chiese cattoliche  del Mediterraneo è positivo. La nostra è una speranza, non una certezza. Invochiamo scelte serene e corrette della politica e delle istituzioni europee. L’ Europa non può fare finta di nulla e voltare le spalle”.

Perchè proprio Bari?

” Da sempre, anche per via di San Nicola e della sua posizione geografica, Bari  è considerata porta verso l’ Oriente. Don Tonino Bello definiva Bari e la Puglia arca di pace specie verso le chiese di Oriente. Tale ruolo è stato riconosciuto da San Giovanni Paolo II e da Papa Francesco”.

I vescovi si impegneranno per il dono della pace?

” Lo facciamo sempre e continuiamo a farlo. Mail lavoro più grande tocca alla politica con le sue scelte”.

Bruno Volpe

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

3 pensieri riguardo “Il vescovo Ricchiuti: “la politica non corra dietro, per motivi elettorali, a sovranismi e populismi”

  • Avatar
    19 Febbraio 2020 in 11:51
    Permalink

    Ma il vescovo Ricchiuti ha un’idea di cosa è stato il Mediterraneo fino alla prima metà dell,800? Le navi turche e del Magreb scorrazzavano per assalire navi cristiane e fare schiavi per i mercati islamici e almeno fino al 700 per assalire i paesi costieri e fare le stesse cose. Altro che mare di pace! Se gl’islamici smisero è solo perché furono prima contenuti e poi battuti. Sa lo stesso vescovo qual’e la condizione dei cristiani nei paesi in maggioranza islamica? Legga i bollettini della Chiesa che soffre o di Asia news. I pastori non devono ingannare i fedeli e prima di parlare dovrebbero informarsi.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.