Boscia (Associazione medici cattolici): “Vaccini, non possiamo morire di prudenza”

Ti è piaciuto? Condividi!

“Vaccini? Non possiamo morire di prudenza”. Il professor Filippo Maria Boscia, luminare di medicina, barese e Presidente Nazionale dell’ Associazione Italiana dei Medici Cattolici interviene nel problema vaccini e sospensioni.

Presidente Boscia, la Food and Drug Administration ha sospeso in via cuatelare il vaccino Johnson and Johnson. Che ne pensa?

“L’ attenzione alla salute del singolo è certamente prioritaria e penso che sia stata una scelta responsabile. Ma ricordiamo che è cautelativa, non definitiva, e i dati statistici ci dicono  che è un caso su un milione, pertanto  siamo a stime molto basse. Pertanto è lodevole la cautela americana, però facciano presto, questo atteggiamento di fermo non può e non deve essere mantenuto troppo a lungo. In poche parole, l’ eccesso di attenzione danneggia quanto quello di sconsideratezza. Non possiamo morire di prudenza”.

Cosa pensa del caso AstraZeneca?

“Penso che  si sia fatta tanta spettacolarizzazione e  anche una campagna di stampa non sempre chiara. Con i farmaci e i vaccini tali sono, possono esserci  controindicazioni ed effetti collaterali, rischiamo di sprecare tempo e denaro. Ogni persona ha il suo metabolismo,  e le sue predisposizioni che talvolta neppure conosce   e tutto questo in alcuni casi, può aver creato problemi ed inteferenze col vaccino”.

Prevale, in ottica cattolica, la salute o l’ economia?

” La salute. Bisogna prima di tutto salvaguardare  la salute dell’uomo che è un bene fondamentale e connesso allo stesso sviluppo economico, le attività mercatali vendono dopo. Bisogna finirla di idolatrare il turbocapitalismo che è una malattia”.

Bruno Volpe

Share and Enjoy !

0Shares
0 0
Bruno Volpe

Bruno Volpe

Giornalista ed impiegato nel settore dell’Import-Export Trade.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.