A Sanremo si inaugura la moschea, presente anche il vescovo | lafedequotidiana.it

A Sanremo si inaugura la moschea, presente anche il vescovo

Ti è piaciuto? Condividi!

Musulmani-preghiera-islamÈ stata inaugurata a Sanremo la nuova moschea cittadina, che ha ricevuto anche la “benedizione” del vescovo locale, come riporta Il Secolo XIX. La nuova moschea “prende il posto del vecchio centro culturale islamico, più piccolo e decentrato: si tratta di una ex autorimessa di circa 300 metri quadrati, che sarà utilizzata come luogo sia di culto sia di formazione.”

Tra i presenti all’apertura, il vescovo diocesano Antonio Suetta, che ha fatto i propri personali auguri alla comunità islamica. “Siamo italiani per cultura e musulmani per religione – ha detto il presidente della Comunità islamica di Sanremo, Amri El Mostapha – Nell’osservanza delle leggi italiane, vogliamo dare un’istruzione ai nostri figli, perché loro saranno il futuro di questa città. Il nostro obiettivo è di curare i bisogni della gioventù e migliorare i risultati delle persone».

All’inaugurazione erano presenti, tra gli altri, l’assessore alle politiche sociali del Comune di Sanremo, Costanza Pireri, il Dirigente del Commissariato Lorenzo Manso ed il Comandante della Compagnia dei Carabinieri, Paolo De Alescandris. Presente anche il presidente del centro islamico di Ventimiglia.

2 pensieri riguardo “A Sanremo si inaugura la moschea, presente anche il vescovo

  • Avatar
    1 Febbraio 2016 in 13:19
    Permalink

    Vogliamo, per una questione di reciprocità, che anche nei paesi esteri le autorità musulmane benedicano le chiese cristiane, coraggio politici datevi da fare perché questo possa avvenire in Siria, Iraq, Arabia, Dubai, Nigeria, India, Corea, ecc..

    Rispondi
    • Avatar
      1 Febbraio 2016 in 22:23
      Permalink

      perfettamente d accordo.Oltretutto è stato eretto un tempio pagano .

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.