“Sul dolore, parole che non ti aspetti”: in libreria l’opera di Paolo Curtaz

Il grande mistero del dolore in ottica cristiana. E’ il tema, sempre attuale, di un eccellente saggio scritto dal teologo e biblista valdostano Paolo Curtaz dal titolo: “Sul dolore, parole che non ti aspetti” ( ed. San Paolo). Curtaz, con stile agile e brioso, affronta la problematica del dolore che spesso destabilizza anche il cristiano e fa addirittura vacillare la fede. Non propone ricette pronte  per  superarlo e , d’ altro canto, al cospetto di un mistero così insondabile, non è pensabile averne.  Accade, lo racconta con abilità l’ autore citando esperienze personali e di amici colpiti da situazioni negative, che la sofferenza si trasformi persino in ragione per dubitare dell’ esistenza di Dio e davanti al lutto o alla malattia grave, sorge talvolta la domanda: Dio, ma perchè proprio a me? Curtaz non pretende di dare una risposta che a ben vedere non esiste neppure nella Bibbia. Abbiamo intervistato l’ autore.

Curtaz, perchè questo libro e la ragione del titolo?

” Avevo progettato da tempo quest’ opera che giaceva dal 2008 in un file, ma non mi decidevo mai a portarla a compimento. Poi ho  ceduto alle pressioni dell’ editore, ma che fatica. Il dolore è una componente del nostro vivere che, prima o dopo, coinvolge tutti a con la quale occorre fare i conti”.

Che fare, allora?

” Non esiste una ricetta, almeno io non la ho. E non credo che esista neanche una risposta pronta nella Bibbia. Gesù non ci ha assicurato libertà dal dolore. Da credenti sappiamo che le sofferenze non ci verranno risparmiate e che la fede non è una forma di assicurazione . La tradizione, giustamente, dice che questo è un mistero insondabile”.

 Ad una persona che soffre che cosa possiamo dire?

” Spesso usiamo tante parole, anche inutili e persino controproducenti. Penso che  talvolta sia meglio il silenzio e cito, nella Bibbia, l’ esperienza dei tre amici di Giobbe che, venuti da lontano  davanti alle sue sciagure, preferirono tacere”.

Talvolta sentiamo la domanda del colpito dal dolore: Dio, perché  proprio a me che ti ho  sempre rispettato mentre quel Tizio, un poco di buono, se la gode?

” Sarebbe sorprendente il contrario, ossia una reazione opposta. Anche nel credente, proprio perché uomo, la prima reazione è quella dell’ ingiustizia subita.   L’ uomo non è fatto per il dolore, non è la sua dimensione naturale. Tanti, davanti a questi eventi, faticano ad entrare in una dimensione cristiana ed è ragionevole. Bisogna ripensare una catechesi del dolore ed anche della morte, segnalando, però, che lutto e e malattia non sono affatto graditi a Dio e chi lo dice afferma il falso, smentisce il Vangelo”.

Che libro è il suo?

“Di speranza e persino positivo. Come le dicevo, non ho risposte pronte da dare e non pretendo di farlo. Il dolore è una prova  da accettare senza vittimismo. L’ interiorità aiuta ad affrontarlo”.

Bruno Volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.