Paolo Brosio: “Medjugorje potrebbe essere presto dichiarata Prelatura autonoma come Pompei”

“Un fatto epocale”. Paolo Brosio, il noto giornalista che da anni insiste su Medjugorje, commenta così, in questa intervista che ci ha rilasciato, la recente decisione di Papa Francesco di inviare l’ arcivescovo emerito polacco ( della diocesi Varsavia- Praga) Monsignor Henryk Hoser quale suo visitatore apostolico a tempo indeterminato nella parrocchia di Medjugorje.

Brosio, qual è il significato della scelta papale?

” Un fatto epocale e io sono grato al Papa. Dimostra anche che nei grandi media esiste una certa prevenzione. Se infatti il Pontefice avesse solo pronunciato una mezza parola  in senso contrario, sai che titoli di apertura. Ma, al contrario, ha adottato questa decisione e quasi  passa inosservata ,relegata alla fine dei quotidiani o persino assente”.

Epocale, ma perchè?

“E’ la prima volta che la parrocchia viene sottratta al vescovo di Mostar ed affidata, sia pure solo per la cura pastorale, ad un altro  vescovo, praticamente è stata commissariata. Ritengo che questa decisione del Papa possa essere letta come anticamera di altra…”

Quale?

” Rendere Medjugorje Prelatura autonoma, un poco come quello che accade a Pompei. Inoltre bisogna sottolineare che Monsignor  Hoser, varie volte e persino in conferenza stampa, si è espresso a favore della veridicità delle apparizioni, per lo meno delle prime sette. Avrei da fare alcune osservazioni..”

Prego…

” Il Papa, una prima volta, ha mandato Monsignor Hoser come inviato  speciale Pontificio e fu il giorno 11 Febbraio, Madonna di Lourdes. Ora prende il provvedimento di nominarlo visitatore  con data 31 Maggio, festa dela Visitazione di Maria al Tempio. Lo trovate casuale o ci sta la sapiente mano di Maria?”.

Che cosa ha fatto di concreto il Papa con tale atto?

” Ha dato una spinta in avanti verso il processo di riconoscimento sulle apparizioni, anche se,  è bene non dimenticarlo, il compito di Monsignor Hoser ha soltanto natura pastorale. Però al vescovo polacco sono bastati solo dieci giorni per capire come stanno le cose, che non vi è isterismo e tanto meno fenomeni poco limpidi. Hoser, nella sua prima conferenza stampa, ha detto parole buone e di apprezzamento  su Medjugorje. Usando una metafora, possiamo dire che il Papa ha devitalizzato, come fosse un dente malato, il vescovo di Mostar, tutto era bloccato da lui”.

Ora a Medjugorje ci sta un vescovo polacco. Si sa che il cattolicesimo della Polonia è in  buona parte favorevole a Medjugorje…

” I cattolici polacchi in effetti sono  vicini a Medjugorje. Del resto, la Polonia, al momento, è la sola vera barriera cattolica rimasta in Europa, roccaforte di fede osservante e fervente, specie dopo che l’ Iranda ha ceduto sull’ aborto”.

Bruno Volpe

3 Commenti

  1. Domenico
  2. massimo bazurro
  3. Tomas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *