Il vescovo Schneider racconta i particolari di un suo incontro con Papa Francesco

Nella loro recente visita ad limina a Roma, i vescovi del Kazakistan e dell’Asia centrale hanno sollevato una serie di preoccupazioni, ampiamente condivise nella Chiesa negli ultimi anni, riguardo a delle ambiguità percepite negli ultimi tempi.

In un’intervista con LifeSite, Athanasius Schneider, vescovo ausiliare di Astana, ha affermato che le preoccupazioni sollevate durante l’incontro di due ore con il Santo Padre hanno incluso “La comunione per i divorziati e civili risposati”, la questione della Comunione per i coniugi protestanti nei matrimoni misti e la questione della diffusione della pratica dell’omosessualità nella Chiesa”.

In uno scambio diretto tra papa Francesco e il vescovo Schneider, è stata anche discussa l’affermazione che la “diversità delle religioni” è “voluta da Dio”. L’espressione, contenuta in una dichiarazione congiunta che Papa Francesco ha firmato il mese scorso con un Grande Imam ad Abu Dhabi, ha suscitato notevoli polemiche.

Il vescovo Schneider ha detto che il Papa ha esplicitamente dichiarato che “la frase in questione sulla diversità delle religioni significa la volontà permissiva di Dio”, ha detto ai vescovi riuniti, che provengono da regioni prevalentemente musulmane.

Schneider ha etichettato il summit sugli abusi sessuali uno “spettacolo clericale” e un “fallimento” per non aver affrontato le “radici profonde” della crisi e aver emesso “norme molto precise, convincenti e incisive”.

Nell’intervista, il vescovo Schneider elogia anche la lettera aperta rilasciata dal cardinale Raymond Burke e dal cardinale Walter Brandmüller in vista del summit sugli abusi del Vaticano e suggerisce ulteriori azioni che cardinali e vescovi potrebbero prendere per affrontare l’attuale crisi nella Chiesa.

“Il Papa è il Vicario di Cristo sulla terra in questo tempo. E’ stato molto fraterno e gentile con noi. Il nostro incontro con lui è durato due ore. Considero questo un atto di grande generosità da parte del Papa, passare così tanto tempo con il nostro gruppo di 10 vescovi e ordinari del Kazakistan e dell’Asia centrale. Durante l’incontro, il Papa ci ha invitato a esprimere liberamente le nostre preoccupazioni e anche le nostre critiche. Ha sottolineato che gli piace una conversazione molto libera”, ha detto Schneider.

“Quando c’è un grosso problema”, ha detto il vescovo kazako in merito agli abusi sui minori, “dobbiamo sempre andare alla radice più profonda, come fanno ogni buon dottore e medico. È necessaria una diagnosi profonda e integrale. E a mio parere, questo non è stato fatto al vertice, perché una delle radici evidenti, osservabili e più profonde dell’abuso sessuale dei minori è l’ omosessualità tra il clero. Naturalmente, non dirò che tutti gli omosessuali stanno necessariamente abusando dei bambini. Questo sarebbe ingiusto e falso. Ma stiamo parlando di abusi clericali nella Chiesa, e quindi dobbiamo concentrarci su questa malattia. È stato dimostrato che oltre l’80% delle vittime erano maschi post-pubertà. È quindi evidente che la natura della maggior parte di questo abuso comportava atti omosessuali. Dobbiamo sottolineare che questa è una delle radici principali. L’altra radice principale della crisi degli abusi è il relativismo sull’insegnamento morale che ha avuto inizio dopo il Concilio Vaticano II. Da allora, viviamo in una profonda crisi di relativismo dottrinale, non solo di dogmatica ma anche di morale: la legge morale di Dio. La morale non è stata insegnata chiaramente nei seminari negli ultimi 50 anni; spesso non veniva insegnato chiaramente nei Seminari e nelle facoltà teologiche che un peccato contro il sesto comandamento è un peccato grave. Soggettivamente ci possono essere circostanze attenuanti, ma oggettivamente è un peccato grave. Ogni atto sessuale al di fuori di un matrimonio valido è contro la volontà di Dio. Offende Dio ed è un peccato grave, un peccato mortale. Questo insegnamento era così relativizzato. E questa è una delle altre radici profonde. Dobbiamo sottolineare questo. E a mio parere, questo non è stato sottolineato al vertice: il relativismo dell’insegnamento morale, in particolare sul sesto comandamento. Un’altra causa profonda è la mancanza di una vera, seria e autentica formazione di seminaristi. C’era una mancanza di ascetismo nella vita e nella formazione dei seminaristi. È stato dimostrato da duemila anni, e dalla natura umana, che senza ascetismo fisico come il digiuno, la preghiera e persino altre forme di mortificazione corporale, è impossibile vivere una vita costante in virtù senza peccato mortale. A causa della profonda ferita del peccato originale e della concupiscenza ancora in atto in ogni essere umano, abbiamo bisogno di mortificazione corporale. Ma per me, la causa più profonda della crisi dell’abuso sessuale da parte del clero è la mancanza di una relazione profonda e personale con Gesù Cristo. Quando un seminarista o un sacerdote non ha una profonda relazione personale con Gesù Cristo, in costante fedeltà a una vita di preghiera e veramente godendo di un amore personale per Gesù, egli è facile preda delle tentazioni della carne e degli altri vizi. Inoltre, quando hai un amore profondo e personale per Cristo, non puoi commettere deliberatamente un peccato orrendo. Occasionalmente, a causa della debolezza della natura umana, un prete o un seminarista poteva commettere un peccato mortale contro la purezza. Ma nello stesso momento, è profondamente pentito e decide di evitare il prossimo peccato ad ogni costo. Questa è una manifestazione di un vero amore per Cristo. Ma per me è completamente escluso che una persona che ama profondamente Cristo possa abusare sessualmente di minori”.

“Il Cardinale Blase Cupich” – che ha negato una relazione causale tra omosessualità e gli abusi sessuali operati da membri del clero – ha “negato la realtà. Come posso parlare con un uomo che nega la realtà? Questo è spiegabile solo come una posizione ideologica”.

Per il vescovo “ci sono potenti clan clericali tra vescovi e cardinali che vogliono promuovere e cambiare nella Chiesa la legge morale divina sul male intrinseco degli atti omosessuali e dello stile di vita omosessuale. Vogliono rendere l’omosessualità accettabile come una variante legittima della vita sessuale. Dal mio punto di vista, questa è la ragione più profonda e forse decisiva per cui sono rimasti in silenzio e hanno omesso di affrontarlo”.

Per Schneider il vertice avrebbe dovuto emanare norme canoniche concrete. “La prima norma canonica che proporrei è questa: che le persone con inclinazioni omosessuali non dovrebbero essere categoricamente accettate nei seminari. E se vengono scoperti, naturalmente con rispetto e amore, devono essere allontanati dal seminario e aiutati a essere guariti e a vivere da buoni laici cristiani. Attualmente le norme dicono solo che quelli con “tendenze omosessuali profonde” non dovrebbero essere ammessi al seminario, ma per me questo non è sufficiente. Se un uomo adulto viene in seminario e prova attrazione omosessuale, anche se non è ancora profondamente radicato, rimane comunque un’attrazione omosessuale. E di per sé è già una condizione che, in alcune circostanze – come nell’atmosfera esclusivamente maschile di un seminario – potrebbe svilupparsi in una tendenza più profonda o più aggressiva. E quando diventerà sacerdote, sarà con i seminaristi, con giovani chierichetti e così via. E così mentre forse in seminario queste tendenze non erano profondamente radicate, possono diventare più profonde in determinate circostanze. Le tendenze omosessuali sono una sorta di tratto del disturbo della personalità e una percezione distorta della realtà, poiché ciò significa desiderare un oggetto di piacere contro l’ordine naturale dei sessi. I documenti magistrali lo chiamano un disordine oggettivo. Come puoi ordinare un uomo con un disturbo nella sua personalità o nel suo tratto psicosomatico?”.

“Il seminario non è un sanatorio per guarire persone con disturbi psicologici o tendenze omosessuali. Questo è ingenuo e danneggerà il sacerdozio e la persona. Sarebbe meglio per una tale persona essere un buon cristiano nel mondo e salvare la sua anima, e non essere un prete. Possiamo e dovremmo aiutarlo o naturalmente. Ma dobbiamo essere disposti a dirgli: non sarai ordinato, è per la salvezza della tua anima. Sii un buon cristiano nel mondo. Meglio avere meno sacerdoti, ma uomini sani, psicologicamente sani. E amanti profondi di Cristo, uomini profondamente spirituali. Sarebbe meglio per tutta la Chiesa. Meglio lasciare alcune parrocchie senza un prete e alcune diocesi senza un vescovo per diversi anni piuttosto che ordinare un uomo che abbia un disturbo, sia omosessuale sia altri disturbi della personalità”.

Schneider ha proposto anche riduzioni allo stato laicale dei colpevoli di violenze e “tolleranza zero” dopo che il fatto dell’abuso sessuale è provato e verificato da un vero processo canonico.

In merito al celibato, il vescvo Schneider ha detto che la sua abolizione è stato l’obiettivo dei protestanti fin da Lutero. Tra i nemici della Chiesa e delle sette, il primo passo è sempre quello di abolire il celibato. Il celibato sacerdotale è l’ultima roccaforte dell’abolizione nella Chiesa. La vita sacramentale è solo il pretesto per farlo. “Ho vissuto e lavorato in Brasile per 7 anni. E conosco i brasiliani. Sono persone molto pie, gente semplice. Non avrebbero mai pensato al clero sposato. No, questa è un’idea che viene messa nelle loro teste non dalle popolazioni indigene, ma dai bianchi, dai sacerdoti che non vivono una vita apostolica e sacrificale profonda. Senza la vera vita sacrificale di un apostolo non puoi edificare la Chiesa. Gesù Cristo ci ha dato l’esempio dell’offerta sacrificale di se stesso, come hanno fatto gli Apostoli, i Padri della Chiesa, i Santi e i Missionari. Questo ha edificato la Chiesa con frutti spirituali duraturi per intere generazioni. La mancanza di sacerdoti in Amazzonia è per me un esempio del contrario: forse i sacerdoti mancano di una vita profondamente impegnata e sacrificale nello spirito di Gesù, degli Apostoli e dei santi. Cercano quindi sostituti umani. Il clero sposato indigeno non porterà ad un approfondimento e crescita nella Chiesa amazzonica. Altri problemi sorgeranno sicuramente con l’avvento del clero sposato nella cultura indigena dell’Amazzonia e in altre parti del mondo del rito latino. Ciò che è più necessario è approfondire le radici della fede e rafforzare la chiesa domestica in Amazzonia. Dobbiamo iniziare una crociata in Amazzonia tra queste famiglie indigene, tra cattolici cristiani, per le vocazioni – implorando Dio per le vocazioni al sacerdozio celibe e arriveranno”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.