“Caso Viganò”, 27 mila donne cattoliche chiedono risposte a Papa Francesco

Un gruppo di donne cattoliche ha chiesto a Papa Francesco di emettere una “risposta diretta” relativamente alle affermazioni dell’arcivescovo Viganò in merito alla conoscenza del Papa delle accuse di cattiva condotta sessuale che circondano McCarrick.

La lettera, pubblicata il 30 agosto dal Catholic Women’s Forum (CWF) di Washington DC, ha ottenuto finora 27.000 firme.

“I nostri cuori sono spezzati, la nostra fede è stata messa alla prova dall’escalation della crisi che ha inghiottito la nostra amata Chiesa”, si legge nella lettera.

“Per favore, non voltare le spalle a noi. Ti sei impegnato a cambiare i modi clericali nella Chiesa. Che un cardinale molesti i seminaristi è aberrante. Le vittime che hanno sofferto così tanto hanno bisogno di sapere che possono fidarsi di te. ”

La CWF è una rete internazionale istituita dal Centro per l’etica e le politiche pubbliche nel 2014. Si proponeva di rispondere all’appello di Papa Francesco affinché le donne fossero una “presenza più efficace” nella Chiesa.

Ecco il testo della lettera:

Santità 

Hai detto che cerchi  una presenza femminile più incisiva nella Chiesa” e che “le donne sono in grado di vedere le cose con una diversa angolazione rispetto agli uomini, con un occhio diverso. Le donne sono in grado di porre domande che noi uomini non siamo in grado di capire “.

Scriviamo a te, Santo Padre, per porre domande che richiedono risposte. Siamo donne cattoliche profondamente impegnate nella nostra fede e profondamente grate agli insegnamenti della Chiesa, ai sacramenti e ai molti buoni vescovi e sacerdoti che hanno benedetto le nostre vite.

I nostri cuori sono spezzati, la nostra fede testata, dall’escalation della crisi che ha inghiottito la nostra amata Chiesa. Siamo arrabbiati, traditi e disillusi. Il dolore e la sofferenza delle vittime non finisce mai, poiché ogni ciclo di notizie porta più orribili rivelazioni di abusi sessuali, cattiva condotta sessuale, insabbiamenti e inganni – anche ai più alti livelli della Chiesa.

La recente dichiarazione dell’Arcivescovo Carlo Maria Viganò ci spinge a contattarti direttamente per avere delle risposte. La sua testimonianza accusa te, Santo Padre, e cardinali ben piazzati di chiudere un occhio sul comportamento egregio dell’ex cardinale McCarrick e promuovere questo predatore come un portavoce e un leader spirituale a livello mondiale. È vero?

Queste sono accuse devastanti. Come ha affermato recentemente il presidente dell’USCCB, il cardinale Daniel D. DiNardo: “Le domande sollevate meritano risposte che siano conclusive e basate su prove”. Siamo d’accordo.

Diverse questioni cruciali sollevate dalla dichiarazione dell’arcivescovo Viganò, tuttavia, non richiedono né lunghe indagini né prove fisiche. Richiedono solo la tua risposta diretta, Santo Padre.

Quando i giornalisti ti hanno interrogato di recente sulle accuse dell’arcivescovo Viganò, tu hai risposto : “Non dirò una sola parola su questo”. Hai detto ai giornalisti di “leggere attentamente la dichiarazione e formulare il tuo giudizio”.

Al tuo gregge che sta male, papa Francesco, le tue parole sono inadeguate. Pungono, ricordano il clericalismo che hai condannato di recente. Abbiamo bisogno di leadership, verità e trasparenza. Noi, il tuo gregge, meriti le tue risposte ora.

Nello specifico, ti imploriamo umilmente di rispondere alle seguenti domande, poiché le risposte ti sono sicuramente note.

L’arcivescovo Viganò dice che nel giugno 2013 ha trasmesso a voi questo messaggio (in sostanza) sull’allora cardinale McCarrick:

“Ha corrotto generazioni di seminaristi e sacerdoti e Papa Benedetto gli ha ordinato di ritirarsi in una vita di preghiera e penitenza”.

  • È vero? Cosa ti ha comunicato l’arcivescovo Viganò nel giugno 2013 sull’allora cardinale McCarrick?
  • hai saputo allora delle accuse di abusi sessuali o di cattiva condotta sessuale con gli adulti al cardinale McCarrick?
  • Quando hai saputo delle restrizioni di Papa Benedetto sull’allora cardinale McCarrick? E hai rilasciato allora il cardinale McCarrick da una qualsiasi delle restrizioni di Papa Benedetto?

Santo Padre, nella tua lettera al Popolo di Dio sugli scandali , hai scritto: “Una consapevolezza del peccato ci aiuta a riconoscere gli errori, i crimini e le ferite causati nel passato e ci consente, nel presente, di essere più aperti e impegnati in un viaggio di rinnovata conversione”. Ecco perché ci aspettiamo che tu, nostro Santo Padre, sia onesto con noi.

Per favore non voltare le spalle a noi. Ti sei impegnato a cambiare i modi clericali nella Chiesa. Che un cardinale faccia prede i seminaristi è aberrante. Dobbiamo sapere che possiamo fidarci di essere onesti con noi su quello che è successo. Le vittime che hanno sofferto così tanto hanno bisogno di sapere che possono fidarsi di te. Le famiglie, che saranno la fonte del rinnovamento della Chiesa, devono sapere che possiamo fidarci di te, e quindi avere fiducia nella Chiesa.

Per favore non tenerci a distanza su queste domande. Siamo fedeli figlie della Chiesa che hanno bisogno della verità per poter aiutare a ricostruire. Non siamo cattolici di seconda classe da spazzar via mentre vescovi e cardinali gestiscono le questioni in privato. Abbiamo il diritto di sapere. Abbiamo diritto alle tue risposte.

Siamo mogli, madri, donne single, donne consacrate e religiose.

Siamo le madri e le sorelle dei tuoi sacerdoti, seminaristi, futuri sacerdoti e religiosi. Siamo i leader laici della Chiesa e le madri della prossima generazione.

Siamo professori nei vostri seminari e leader nelle cancellerie e nelle istituzioni cattoliche.

Siamo teologi, evangelisti, missionari e fondatori di apostolati cattolici.

Siamo le persone che si sacrificano per finanziare il buon lavoro della Chiesa.

Siamo la spina dorsale delle parrocchie, delle scuole e delle diocesi cattoliche.

Noi siamo le mani, i piedi e il cuore della Chiesa.

In breve, noi siamo la Chiesa, tanto quanto i cardinali e i vescovi intorno a te.

Santo Padre, noi siamo la “presenza incisiva” di cui la Chiesa ha bisogno e abbiamo bisogno delle tue risposte.

Con amore per Cristo e la Chiesa.

Una risposta

  1. Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *