Viktor Orbán: “il PPE non difende i cristiani ed è caduto tra le braccia dell’ideologia gender”

Ti è piaciuto? Condividi!

Secondo il premier ungherese Viktor Orbán il Partito Popolare Europeo non difende i cristiani ed è caduto tra le braccia dell’ideologia gender.

L’attacco di Viktor Orbán è arrivato attraverso una lettera indirizzata ai leader e ai presidenti del partito PPE, un memorandum sullo stato e sul futuro del PPE.

Ecco il testo integrale (in una traduzione automatica dall’ungherese):

Fin dall’inizio, i membri del Partito popolare europeo hanno svolto un ruolo attivo e importante nel discorso pubblico europeo.

Senza il PPE, l’Europa non avrebbe potuto formare un’opinione della maggioranza e una maggioranza politica su questioni così importanti come la cacciata dell’Unione Sovietica dall’Europa centrale, il rifiuto e il rovesciamento dei sistemi politici comunisti, la riunificazione dell’Europa con i paesi liberati dall’Unione Sovietica occupazione, istituzione dello spazio Schengen e creazione dell’euro.

Il PPE è rimasto fermo e coraggioso nelle tempeste dei dibattiti europei. Il PPE era decisamente pro-democrazia, anticomunista, pro-mercato, anti-marxista, pro-nazione, a favore della costruzione dell’Unione sulla base delle nazioni, della sussidiarietà, dell’anti-burocrazia, di ispirazione cristiana e di un rappresentante impegnato e devoto del modello della famiglia cristiana e del matrimonio di un uomo e una donna. Il PPE rappresentava questi valori con coraggio, orgoglio e successo sotto la pressione dei suoi oppositori, delle tendenze della moda e della maggioranza dei media liberali di sinistra.

In altre parole, la missione del PPE non era semplicemente quella di ottenere e mantenere l’autorità governativa. Il PPE ha cercato una maggioranza cristiana-conservatrice nella società e ha lavorato per crearla e preservarla. Ha richiesto e ottenuto il potere del governo come conseguenza naturale dell’opinione della maggioranza della società.

I cittadini del continente hanno riconosciuto e riconosciuto i membri del PPE e li hanno aiutati a formare governi nella maggior parte degli Stati membri. Nel 2011, avevamo 16 capi di governo nei 27 paesi dell’Unione e 271 membri al Parlamento europeo.

Ad oggi, tutto è cambiato.

Oggi abbiamo solo 9 primi ministri, abbiamo 187 seggi al Parlamento europeo e solo pochi dei nostri membri possono governare senza un partner della coalizione.

Invece di ribellarci al comunismo e al marxismo, che hanno lasciato una eredità dolorosa in Europa, stiamo applaudendo a Fidel Castro e Karl Marx. Invece del modello cristiano-sociale del Reno, abbracciamo teorie sociali egualitarie e socialiste. Invece della sussidiarietà, siamo a favore di un’ulteriore centralizzazione e del rafforzamento della burocrazia a Bruxelles.

Non riusciamo a rappresentare le ispirazioni cristiane apertamente e consapevolmente, se ne rimangono.

Abbiamo rinunciato al modello familiare basato sul matrimonio di una donna e un uomo e siamo caduti tra le braccia dell’ideologia di genere. Invece di sostenere la nascita dei bambini, vediamo la migrazione di massa come la soluzione ai nostri problemi demografici.

Tolleriamo indolentemente la disintegrazione dello spazio Schengen e vediamo impotenti l’incapacità di coinvolgere i paesi dei Balcani nell’integrazione dell’Europa.

Non stiamo offrendo un’alternativa interessante ai nostri avversari politici e consideriamo i loro problemi e le loro interpretazioni come punti di riferimento. Abbiamo esposto i nostri conflitti interni al grande pubblico. Le differenze tra partiti orientali e occidentali, vecchi e nuovi non si riducono, ma si allargano.

Questo è ciò che siamo oggi, il Partito popolare europeo.

Non ci difendiamo da vecchi e grandi europei e non affrontiamo la lotta contro le forze intellettuali liberali di sinistra e i media che influenzano e controllano.

Siamo diventati un’alleanza del partito centrista, scivolando dall’ala destra cristiana verso la sinistra. Agli occhi degli elettori, stiamo lentamente diventando indistinguibili dalla sinistra liberale, socialista e socialista. Abbiamo creato l’impressione che i compromessi necessari per garantire la nostra partecipazione al governo siano diventati il ​​nucleo della nostra politica.

Non stiamo respingendo gli attacchi della sinistra liberale, stiamo conformando le nostre opinioni passo dopo passo e non riusciamo a difendere i nostri valori. Non stiamo alzando la voce abbastanza forte contro i socialisti che stanno aiutando il comunista anarchico radicale lasciato al governo. Abbiamo creato l’impressione che abbiamo paura di dichiarare e accettare apertamente chi siamo e cosa vogliamo, come se avessimo paura di perdere la nostra parte di autorità governativa a causa nostra.

In questa situazione, è inevitabile un dibattito interno sulla futura missione del PPE.

Sfortunatamente, questo non ha avuto luogo durante il nostro ultimo congresso a Zagabria. Al contrario, invece di un dibattito produttivo, abbiamo eletto un presidente che ha portato conflitti e interessi interni polacchi nel PPE. Questo fatto avrebbe potuto essere sperimentato da tutti nell’ultima Assemblea politica.

Noi, membri di Fidesz, non abbiamo mai nascosto la nostra opinione scritta su queste pagine. Riteniamo che sia uno sforzo democratico, legittimo e naturale per un partito membro della nostra famiglia politica iniziare a cambiare le nostre linee guida politiche. La democrazia e il successo politico sono sempre il risultato di un vivace dibattito.

Pertanto, suggeriamo ai partiti membri del nostro gruppo politico di considerare di modificare le linee guida strategiche del PPE.

Raccomandiamo di tornare all’eredità di Martens. Wilfried Martens unì con successo partiti di centro-destra e di destra di varie radici e contesti geografici, formò un’alleanza tra democratici cristiani tradizionali, continentali e conservatori del nord, e riuscì a incorporare i partiti cristiani, di destra, orientati alla nazione del ex paesi comunisti nel PPE con una politica offensiva di allargamento. Questo ci ha aiutato a superare l’allora più forte sinistra socialista al Parlamento europeo. Ha stretto una stretta alleanza parlamentare con i Tories e un accordo di cooperazione con l’ECR. Wilfried Martens cercò alleanze anche al di fuori dell’Unione, con i turchi, i russi e persino i cinesi. Considerava i partiti americani, in particolare i repubblicani, i nostri alleati naturali.

Raccomandiamo di aiutare i nostri partiti membri a cooperare e costruire coalizioni non solo con la sinistra, ma anche con l’ala destra nei loro paesi.

Raccomandiamo che la diversità del nostro gruppo politico si rifletta negli organi di governo del PPE e che oltre ai rappresentanti delle forze centriste, anche i rappresentanti dell’ala destra cristiana abbiano un posto al tavolo.

L’unità è la cosa più importante, ma oggi nella nostra situazione, l’unità, una nuova unità, può essere raggiunta solo attraverso dibattiti interni onesti.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.