Il vescovo di Jesi: “Il crocifisso infastidisce più certi cristiani che i musulmani”

Ti è piaciuto? Condividi!

 

“Il crocifisso infastidisce più certi cristiani che i musulmani”:

lo sfogo, in questa intervista che ci ha rilasciato, è di Monsignor Gerardo Rocconi, vescovo di Jesi.

Monsignor Rocconi, che cosa pensa dell’ idea lanciata dal Ministro della Pubblica Istruzione di togliere il crocifisso dalle scuole  in base al principio di laicità e perchè divisivo?

“Senta, io le riporto quello che sento dire a me da molti musulmani anche di notevole livello culturale.  Mi dicono: se il crocifisso da noia a voi è un discorso, ma per quello che ci riguarda, non è un problema. La sensazione, allora, è che il crocifisso  infastidisce più certi cristiani che i musulmani”.

Per il ministro, va contro la laicità dello Stato…

“Un errore. Non è solo un simbolo religioso, come è evidente. Ma è anche il segno di una intera civiltà. E neppure penso sia corretto buttarla in politica dicendo che questa disputa favorisce Tizio o Caio. Accogliendo l’ idea del ministro si danneggia prima di tutto la ragione. Affermazioni simili, ma ritengo che egli sia  in buona compagnia, non sono segno di laicità, ma di laicismo”.

Da poco la Consulta ha, sia pur per sentenza,  ha scriminato il suicidio assistito aprendo all’eutanasia. Quale la sua idea?

“E’ senza dubbio una decisione che  fa male e non la condivido. Però, ce la dovevamo aspettare, era nell’ aria. Ho palpato una certa assenza dei credenti impegnati nella politica e dico che invece ci vuole coraggio. Oggi penso che tanti  si siano arresi, magari  valutano che sia tempo perso. E forse non hanno tutti i torti”.

Che cosa intende dire?

“La grande frattura si è avuta col divorzio, il primo grande guaio. Poi un evento negativo dietro l’ altro, e questo non è progresso. Credo che tale deriva si sia aperta nel 1978. Non vorrei  peccare di pessimismo, ma di questo passo arriveremo a cose sempre peggiori”.

Sui suicidio assistito la politica ha fatto poco..

“Credo che se anche si fosse mossa per una legge, di fatto avrebbe ugualmente aperto all’eutanasia, alla stessa maniera o quasi della sentenza. Il vero problema è quello della cultura dominante”.

E la Chiesa?

“Occorre, come correttamente dice il Papa, una Chiesa che  rievangelizzi e punti alla salvezza delle anime”.

Bruno Volpe

Michele M. Ippolito

Michele M. Ippolito

Direttore di LaFedeQuotidiana.it

2 pensieri riguardo “Il vescovo di Jesi: “Il crocifisso infastidisce più certi cristiani che i musulmani”

  • Avatar
    6 Ottobre 2019 in 21:02
    Permalink

    Caro Monsignore, faccia un buon esame di coscienza! A mio avviso, una buona dose di responsabilità (la maggiore) è anche di voi Vescovi. La mentalità diffusa tra molti fedeli secondo la quale l’attuale laicismo è ormai assodato e non vale la pena neppure darsi da fare è stata alimentata anche dalle vostre sciocche aperture, Papa e CEI compresi. Aperture, per esempio: ai “nuovi paradigmi interpretativi” nella morale, al dialogo indiscriminato e privo di confronti leali con l’islam, ai divorziati risposati, alle associazioni LGBT, all’entusiasmo per le cene alla pizza in Cattedrale o per le liturgie e omelie dissacranti animate dalle canzoni di Sanremo, ecc. ecc. Quando il gregge sbanda, il primo ad interrogarsi dev’essere il Pastore. Lapalissiano!

    Risposta
  • Avatar
    7 Ottobre 2019 in 13:00
    Permalink

    Chiedo scusa se,sembra che io dia una notiza ‘fuori luogo’,ma alla fine di aver letto ciò che ho scritto, mi ringrazierete(se userete la ragione).Lo sapete che da qalche momento, vi è la notizia internazionale che, il cristiano evangelico,battezzato e presidente degli Stati Uniti Donald Trump,ha dato il via libera ALLA TURCHIA,di invadere la SIRIA!!! Di cosa mi lamento? di questo:

    http://www.lanuovabq.it/it/turchia-cristiani-sempre-meno-liberi-e-nel-mirino

    ….prevedo per i cristiani in Siria, l’inizio a breve,di una inesorabile VIA CRUCIS,e tutto ciò ‘regalato’ non da un musulmano o un ateo,ma dall’evangelico,battezzato e presidente degli Stati Uniti Donald Trump!!!!! Domando se per caso,ha niente da dire l’eminentissimo amico del presidente,Card.Raimond Burke????…..oppure questo non è argomento da trattare? (è buono a fare polemica pubblica solo con il Papa?)

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.