Vescova lesbica luterana propone di chiamare Dio con nomi «gender-free»

Ti è piaciuto? Condividi!

La Chiesa di Svezia ha esortato il suo clero a usare un linguaggio più neutrale rispetto al genere quando si riferisce a Dio e ad evitare di riferirsi alla divinità come “Signore” o “lui”.

La mossa è una delle tante realizzate dalla Chiesa evangelica nazionale luterana in termini di linguaggio.

Le nuove linee guida saranno introdotte il 20 maggio prossimo, in occasione della festa cristiana di Pentecoste.

Ex chiesa di stato, con sede nella città di Uppsala, circa 37 miglia a nord della capitale, la chiesa luterana svedese ha 6,1 milioni di membri battezzati in un paese di 10 milioni ed è guidata da una donna, l’arcivescovo Antje Jackelen, ordinata “sacerdote” nella Chiesa di Svezia nel 1980 e diventato dottore in teologia all’Università di Lund nel 1999. Sposata con una lesbica, la signora Jackelen ha affermato che l’uso di un linguaggio più inclusivo di genere è stato discusso diversi decenni fa, già nel 1986. “Teologicamente, ad esempio, sappiamo che Dio è al di là delle nostre determinazioni di genere, Dio non è umano”, ha detto.

 

La decisione è stata accolta con alcune critiche. Christer Pahlmblad, un professore di teologia associato presso l’Università di Lund, ha detto al quotidiano danese Kristeligt Dagblad che “non è davvero intelligente che la Chiesa di Svezia diventi nota come una chiesa che non rispetterà il patrimonio teologico comune”.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Un pensiero su “Vescova lesbica luterana propone di chiamare Dio con nomi «gender-free»

  • Avatar
    29 Novembre 2017 in 15:40
    Permalink

    siamo fuori di testa…cerchiamo di parlare di cose serie, grazie!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.