Il vescovo Schneider: "Comunione in mano? Cinica banalizzazione e de-sacralizzazione" | lafedequotidiana.it

Il vescovo Schneider: “Comunione in mano? Cinica banalizzazione e de-sacralizzazione”

Ti è piaciuto? Condividi!

 

Nessuno può costringerci a ricevere il Corpo di Cristo in un modo che costituisce un rischio di perdita dei frammenti e una diminuzione della riverenza, così come il modo di ricevere la Comunione nella mano. Anche se è vero che si potrebbe ricevere la Comunione su un piccolo fazzoletto bianco e pulito (purificatore, piccolo corporale) direttamente in bocca, ma in questo modo non è sempre praticabile e persino rifiutato da alcuni sacerdoti.
In questi casi, è meglio fare una comunione spirituale, che riempie l’anima di grazie speciali. In tempi di persecuzione, molti cattolici non furono in grado di ricevere la Santa Comunione in modo sacramentale per lunghi periodi di tempo, ma fecero una Comunione spirituale con molto beneficio spirituale.
La comunione nella mano non è più igienica della comunione in bocca. In effetti, può essere pericoloso per il contagio. Da un punto di vista igienico, la mano trasporta un’enorme quantità di batteri. Molti agenti patogeni vengono trasmessi attraverso le mani. Sia agitando le mani di altre persone o toccando frequentemente oggetti, come maniglie delle porte o corrimano e maniglioni nei trasporti pubblici, i germi possono passare rapidamente da una mano all’altra; e con queste mani e dita non igieniche le persone toccano spesso il naso e la bocca. Inoltre, a volte i germi possono sopravvivere sulla superficie degli oggetti toccati per giorni. Secondo uno studio del 2006, pubblicato sulla rivista “BMC Infectious Diseases”, i virus dell’influenza e virus simili possono persistere su superfici inanimate.
Molte persone che vengono in chiesa e poi ricevono la Santa Comunione nelle loro mani hanno prima toccato maniglie delle porte o corrimano e afferrano le barre nei trasporti pubblici o in altri edifici. Pertanto, i virus sono impressi sul palmo e sulle dita delle mani. E poi durante la Santa Messa con queste mani e dita a volte si toccano il naso o la bocca. Con queste mani e dita toccano l’ospite consacrato, imprimendo così il virus anche sull’ospite, trasportando così i virus attraverso l’ospite nella loro bocca.
La comunione in bocca è certamente meno pericolosa e più igienica rispetto alla Comunione nella mano. In effetti, il palmo e le dita della mano, senza un lavaggio intenso, contengono innegabilmente un accumulo di virus.
Il divieto di Comunione in bocca è infondato rispetto ai grandi rischi per la salute della Comunione nella mano al tempo di una pandemia. Tale divieto costituisce un abuso di autorità. Inoltre, sembra che alcune autorità della Chiesa stiano utilizzando la situazione di un’epidemia come pretesto. Sembra anche che alcuni di loro abbiano una sorta di cinica gioia di diffondere sempre di più il processo di banalizzazione e de-sacralizzazione del Santissimo e Divino Corpo di Cristo nel sacramento eucaristico, esponendo il Corpo del Signore stesso al reale pericoli di irriverenza (perdita di frammenti) e sacrilegi (furto di ospiti consacrati).
Poi c’è anche il fatto che durante i 2000 anni di storia della Chiesa non si sono verificati casi di contagio a causa dell’accoglienza della Santa Comunione. Nella chiesa bizantina il sacerdote dà la Comunione ai fedeli anche con un cucchiaio, lo stesso cucchiaio per tutti. E poi, il sacerdote o il diacono beve il vino e l’acqua con cui purificava il cucchiaio, che a volte può persino essere toccato con la lingua dai fedeli durante l’accoglienza della Santa Comunione.
Molti fedeli delle chiese orientali sono scandalizzati quando vedono la mancanza di fede di vescovi e sacerdoti di rito latino, mentre introducono il divieto di ricevere la Comunione in bocca, un divieto fatto in definitiva per mancanza di fede nel sacro e divino carattere del Corpo e del Sangue di Cristo Eucaristico.
Se la Chiesa ai nostri giorni non si impegna nuovamente con il massimo zelo per aumentare la fede, la riverenza e le misure di sicurezza per il Corpo di Cristo, tutte le misure di sicurezza per gli umani saranno vane. Se la Chiesa ai nostri giorni non si convertirà e non si rivolgerà a Cristo, dando il primato a Gesù, e in particolare a Gesù eucaristico, Dio mostrerà la verità della sua Parola che dice: “Se il Signore non costruisce la casa,
invano vi faticano i costruttori.
Se il Signore non custodisce la città,
invano veglia il custode” (Salmo 126,1).
Si raccomanda la seguente preghiera per fare una comunione spirituale:
“Ai tuoi piedi, o mio Gesù, mi prostro, e ti offro il pentimento del mio cuore contrito, che è umiliato nel suo nulla e nella tua santa presenza. Ti adoro nel Sacramento del tuo amore, l’ineffabile Eucaristia. Desidero accoglierti nella povera dimora che il mio cuore ti offre. Nell’attesa della felicità della Comunione sacramentale, desidero possederti nello spirito. Vieni a me, o mio Gesù, poiché io, da parte mia, vengo a Te! L’amore abbraccia tutto il mio essere nella vita e nella morte. Ti credo, spero in te, ti amo. Amen”.

 

+ Atanasio Schneider, vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Santa Maria ad Astana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.