Marco Frisina: “No alla musica leggera e rock nelle chiese”

Ti è piaciuto? Condividi!

marco-frisina“Nella progettazione e costruzione delle nuove chiese in Italia spesso ci si dimentica l’organo e lo spazio da dedicare al coro”. Lo ammette Monsignor Marco Frisina, sacerdote, musicista e compositore. Con lui parliamo del non facile rapporto tra musica e liturgia.

Monsignor Frisina nelle nostre chiese ascoltiamo buona musica o è possibile fare meglio?

” Migliorare è sempre possibile, anzi si dovrebbe. Indubbiamente alcune volte ascoltiamo prodotti scadenti, ma generalizzare o drammatizzare non ci porta da nessuna parte”.

Quali sono le pecche e, se esistono, da che cosa dipendono?

” Una delle cause di certe scivolate è la mancata presenza nelle parrocchie, certamente non tutte, di persone preparate musicalmente. E allora, si lascia fare, ci si affida al caso col risultato di ascoltare musiche e soprattutto testi non adeguati e fuori dal ricco repertorio della musica sacra che andrebbe rivalutato e utilizzato. L’ animazione musicale nella liturgia ha un posto fondamentale, la musica sacra e quella liturgica nel particolare, non sono un abbellimento, ma fanno parte integrante dell’ azione liturgica e pertanto ci sta bisogno di studio, cura e molta attenzione”.

Insomma, liturgia e musica devono camminare di pari passo..

” Certamente. Il musicista deve essere competente di liturgia e capire che cosa sta accadendo, quello che si sta celebrando. Sgombriamo la mente dal luogo comune che ogni musica va bene, non è così”.

Talvolta si ascoltano brani  del repertorio della musica leggera, se non addirittura rock.

” Ed è un errore. Io consiglio di scegliere sempre dal grande repertorio della musica liturgica. Evitiamo ogni avventura”.

In molte chiese, in Italia, non si sente più suonare l’ organo, che cosa sta succedendo?

” Quello che lei dice, almeno in parte, risponde al vero. Succede che nella progettazione e costruzione delle chiese moderne, in Italia, spesso ci si dimentica dell’ organo e dello spazio da dedicare al coro. Rimediare dopo diventa non solo difficile,  ma anche  oneroso e allora si lasciano le cose come stanno. Gli organi rimangono e resistono nelle chiese antiche e alcune volte hanno bisogno di costosa manutenzione. Eppure l’organo ha la sua importanza nella musica liturgica”.

Applausi ritmati nelle messe…

“Sono fuori luogo, la messa non è una evento sociale o uno spettacolo. Capisco che in certe situazioni, limitate, scoppi spontaneo l’ applauso, penso alla ordinazione sacerdotale, ma gli eccessi non vanno bene. Alcuni sacerdoti applaudono con frequenza e in modo ritmato e  trasformano involontariamente la messa in una cosa folkloristica”.

Bruno Volpe

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

4 pensieri riguardo “Marco Frisina: “No alla musica leggera e rock nelle chiese”

  • Avatar
    1 Aprile 2016 in 0:10
    Permalink

    L’ Italia è pressochè una nazione persa e lo si deve perchè ha rigettato i valori che il vangelo nei secoli a proclamato per mezzo della Chiesa.

    Rispondi
  • Avatar
    13 Aprile 2016 in 12:22
    Permalink

    No alla musica profana nelle chiese e nella Liturgia. Aggiungo: no alla Comunione eucaristica sulla mano. Giovanni Paolo II, in un discorso rivolto a missionari di vari Ordini e Congregazioni il 6 febbraio 1981, mise a fuoco la crisi di fede e di fedeltà nella Chiesa: ” Bisogna ammettere realisticamente e con profonda e sofferta sensibilità che i cristiani oggi in gran parte si sentono smarriti, confusi, perplessi e perfino delusi, si sono sparse a piene mani idee contrastanti con la Verità rivelata e da sempre insegnata; si sono propalate vere e proprie eresie, in campo dogmatico e morale, creando dubbi, confusioni, ribellioni, si è manomessa anche la LITURGIA; immersi nel relativismo intellettuale e morale e perciò nel permissivismo, i cristiani sono tentati dall’ateismo, dall’agnosticismo, dall’illuminismo vagamente moralistico, da un cristianesimo sociologico, senza dogmi definiti e senza morale oggettiva “. Da allora la situazione nella Chiesa e nel mondo è peggiorata ulteriormente.

    Rispondi
  • Avatar
    10 Giugno 2016 in 13:10
    Permalink

    Ma a quando e da chi un concreto provvedimento in merito?… Rispondere che risolvere questo problema è oneroso, è una cosa che lascia molto delusi tutti…

    Rispondi
  • Avatar
    11 Giugno 2016 in 1:07
    Permalink

    Togliamo anche la sua musica dalle chiese per favore, ne guadagneremo in armonia e spiritualità.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.