La Corte Suprema argentina proibisce di insegnare la religione cattolica nelle scuole pubbliche | lafedequotidiana.it

La Corte Suprema argentina proibisce di insegnare la religione cattolica nelle scuole pubbliche

Ti è piaciuto? Condividi!

L’istruzione pubblica in Argentina deve essere laica. La decisione risale al 1884, ma è stata appena ratificata dalla Corte Suprema di Giustizia. Ben 133 anni fa il paese sudamericano aveva approvato la legge 1420, il pilastro su cui era stato costruito il suo sistema scolastico pubblico, libero e obbligatorio e che aveva definito l’educazione religiosa facoltativa, dietro autorizzazione dei genitori e fuori dell’orario scolastico. Negli ultimi anni, la provincia settentrionale di Salta, una delle più cattoliche in Argentina, aveva preso le distanze da quella norma fondamentale e aveva approvato una legge che nelle sue scuole pubbliche prevedeva la preghiera all’inizio delle lezioni e che la religione facesse parte del piano di studi.

Ora, invece, la Corte Suprema di Giustizia ha dichiarato la regola di Salta incostituzionale perché “discrimina e viola la privacy”, come un gruppo di genitori aveva denunciato. Nella sua sentenza, diffusa dal Centro di informazione giudiziaria, la Corte “ha ritenuto provato che l’insegnamento e la pratica della catechesi di un singolo culto (il cattolico apostolico romano) è abituale”. Per i giudici, “lo standard in discussione, includendo l’educazione religiosa durante l’orario scolastico, all’interno del curriculum e con l’approvazione della rispettiva autorità religiosa, favorisce comportamenti discriminatori nei confronti di bambini che non fanno parte del gruppo religioso predominante o di qualsiasi altro gruppo, generando, in questo modo, una maggiore disuguaglianza”.

La più alta corte argentina ha esortato le autorità provinciali a garantire la cessazione dei riti religiosi durante la giornata scolastica e ad adeguare il curriculum scolastico. Ha anche invalidato l’obbligo dei genitori di dire se vogliono che i loro figli ricevano un’educazione religiosa. “E’ una decisione eccellente, siamo molto felici”, ha detto a El Pais Torcuato Sozio, capo dell’Associazione per i Diritti Civili (ADC). Sozio ammette che la sentenza è limitata alla provincia di Salta e non si estende ad altre regioni con le leggi di formazione simili, come Catamarca e Tucumán. Tuttavia, stabilisce un precedente e può motivare altri genitori a segnalare se i governi provinciali non prendono atto della sentenza del tribunale.

La sentenza, approvata a maggioranza, è stata preceduta da molte polemiche e, prima di prendere la decisione, i giudici della Corte Suprema hanno convocato diverse udienze pubbliche.

Negli ultimi mesi nella provincia di Salta, a circa 1.400 chilometri a nord-ovest di Buenos Aires, ci sono state delle marce sia a favore che contro l’educazione religiosa.

Il massimo tribunale di Salta si era espresso favorevolmente all’insegnamento religioso , d’accordo con le autorità provinciali, ma l’ADC aveva fatto appello. Il Procuratore Generale presso la Corte Suprema, Victor Abramovich, aveva sostenuto che in molte scuole della provincia, oltre a non offrire alternative alla religione, gli studenti che si rifiutano di fare religione erano stati etichettati, nelle newsletter della scuola, come “non credenti”. “L’applicazione delle norme contestate ha contribuito, di fatto, alla segregazione e al consolidamento di pregiudizi o stereotipi contro le minoranze religiose, mentre la scuola primaria pubblica è un’occasione essenziale per formare i bambini nella diversità e nel pluralismo religioso “, ha dichiarato il procuratore.

Quindi, per il prossimo anno scolastico, che inizierà a marzo, i corsi di religione nelle scuole pubbliche torneranno al luogo extracurricolare in cui sono stati relegati già nel 19° secolo, con grande soddisfazione della massoneria argentina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.