Il vescovo di Melfi – Rapolla: “La peculiarità della donna è la maternità”

Ti è piaciuto? Condividi!

vescovo-todisco” Le giovani donne sempre più spesso antepongono  carriera e lavoro alla maternità”. Lo dice in questa intervista a La Fede Quotidiana Monsignor Gianfranco Todisco, vescovo di Melfi- Rapolla e Venosa in Basilicata.

Eccellenza, in Italia è  particolarmente attuale il problema della scarsa natalità.  Per questo, il ministro Lorenzin ha dedicato una giornata al tema della fertilità femminile. Perché in Italia si fanno pochi bimbi?

” Le cause sono molteplici e concorrenti. La prima è questa. I giovani, soprattutto le donne, desiderano ardentemente la carriera nel  lavoro e spesso ad essa antepongono la maternità. Sia ben chiaro che lavoro e carriera non sono cose o valori negativi, anzi, e lo Stato dovrebbe tutelare maggiormente la donna sul posto di lavoro. Inoltre, basta vedere l’ età delle pubblicazioni matrimoniali, ci si sposa sempre più tardi”.

Perchè?

” Lo dicevo poco prima, il lavoro e il desiderio di arrivare, la carriera, frenano matrimonio e  maternità. Inoltre spesso dopo aver conseguito il titolo di studio ci sta da aspettare molto tempo per entrare nel mercato del lavoro. Una causa che infatti scoraggia la famiglia e  il mettere al mondo bambini, è la carenza di lavoro, l’ incertezza sul futuro e mi sembra deprecabile che un evento lieto come la nascita di un essere umano diventi in tante occasioni ragione di preoccupazione o di rinuncia. La politica potrebbe e direi dovrebbe fare molto di più e penso ad aiuti economici strutturali a sostegno di questa istituzione o una politica fiscale adeguata, che tenga conto del numero dei componenti”.

Esistono ostacoli di motivo culturale?

” Certamente. Bisogna ricordare sempre la centralità della donna e del suo ruolo di mamma che porta la vita. La peculiarità della donna è la maternità. Da questa angolazione ritengo che sia stato utile, come ha fatto il ministro, dedicare un momento di riflessione sul tema fertilità al femminile. Oggi assistiamo a tante deprecabili manipolazioni della fertilità  con un vero commercio da parte di potenti gruppi , insomma un business. Occorre ricordare che la  scienza non è onnipotente e che quello che è possibile  secondo la tecnica non sempre è moralmente lecito o accettabile. Molto è causato da un contesto nel quale sempre più spesso,  anche i giovani antepongono altri falsi valori alla famiglia naturale, un mondo che pretende di sostituire Dio con l’ io, nel quale la fede è divenuta tante volte un fatto soggettivo e relativo, ciascuno si costruisce la sua verità e si cede così alla dittatura del relativismo”.

Bruno Volpe

Michele M. Ippolito

Michele M. Ippolito

Direttore di LaFedeQuotidiana.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.