I vescovi Usa: “Trump fermi le esecuzioni, Biden cancelli la pena di morte”

Ti è piaciuto? Condividi!

 
Con altre tre esecuzioni federali programmate a gennaio, due presidenti dei vescovi statunitensi chiedono che l'attuale amministrazione si fermi e che il nuovo Congresso e l'amministrazione entrante aboliscano la pena di morte dalla legge federale. L'arcivescovo Paul S. Coakley di Oklahoma City, presidente della Commissione per la giustizia interna e lo sviluppo umano della Conferenza dei vescovi cattolici (USCCB) degli Stati Uniti, e l'arcivescovo Joseph F. Naumann di Kansas City nel Kansas, presidente del Comitato per la vita dell'USCCB, hanno rilasciato la seguente dichiarazione:

“Dopo un anno in cui il governo federale, per la prima volta, ha giustiziato più persone di tutti i cinquanta stati messi insieme, ci sono altre tre esecuzioni federali programmate questa settimana. Rinnoviamo il nostro costante appello al presidente Trump e al procuratore generale ad interim Rosen: fermare queste esecuzioni.
 
“Da molto tempo chiediamo di abolire la pena di morte dalle nostre leggi statali e federali, e chiediamo al nuovo Congresso e al presidente eletto Biden di fare di questa una priorità. Possiamo ottenerlo con l’approvazione del Federal Death Penalty Prohibition Act (S. 2390 e H.R. 4052 nel 116° Congresso). Inoltre, chiediamo al presidente eletto Biden di dichiarare una moratoria sulle esecuzioni federali e di commutare le attuali condanne a morte federali in reclusione.” 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.