I vescovi cattolici tedeschi dicono no alla comunione ai protestanti durante il prossimo congresso ecumenico

Ti è piaciuto? Condividi!

Monsignor Georg Bätzing, presidente della Conferenza episcopale tedesca, ha difeso il piano per una ricezione “ecumenicamente consapevole” della Comunione nei servizi cattolici e protestanti durante il congresso ecumenico tedesco del 13-16 maggio.

Il vescovo ha detto a KNA, l’agenzia di stampa cattolica tedesca, l’11 maggio che i servizi programmati per il 15 maggio non riguarderanno “la Comunione interconfessionale nel senso di un reciproco invito generale a partecipare all’Eucaristia e alla Cena del Signore” e non riguarderanno la comunione condivisa per chierici di varie denominazioni.

Piuttosto, si tratta di affrontare la decisione personale di coscienza dei singoli cristiani cattolici o protestanti. “Rispetto una tale decisione e amministro la Comunione se qualcuno si unisce a chi crede in ciò che crediamo noi cattolici e vuole ricevere il corpo del Signore con fede nella presenza reale di Gesù Cristo”, ha detto a KNA.

Il vescovo ha invitato i partecipanti ai servizi di comunione a non fare della loro partecipazione “un segno dimostrativo, ma a rispettare il carattere spirituale e l’onesta decisione personale di ogni individuo”. Ha detto che tutti i cristiani non cattolici non possono essere invitati alla Comunione perché non c’è ancora una piena unità tra le chiese separate.

Ha detto che il diritto canonico cattolico già prevede la possibilità per i non cattolici di ricevere la Comunione a determinate condizioni. “Senza dubbio, tuttavia, dobbiamo continuare il dialogo teologico sul significato dell’Eucaristia e della Cena del Signore e sul suo significato per l’unità della Chiesa”, ha detto.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.