Il figlio di von Stauffenberg (l'ufficiale che voleva uccidere Hitler): "era un cattolico fedele" | lafedequotidiana.it

Il figlio di von Stauffenberg (l’ufficiale che voleva uccidere Hitler): “era un cattolico fedele”

Ti è piaciuto? Condividi!

Claus Schenk Count von Stauffenberg era, secondo la testimonianza del suo primogenito, “cattolico fedele”.

L’ufficiale della Wehrmacht, che voleva uccidere Adolf Hitler con una bomba il 20 luglio 1944 e provocare una rivoluzione, era “non molto eccentrico”, ha detto Berthold von Stauffenberg al settimanale “Die Tagespost”. “Ma la fede era importante per lui, senza che fosse fanaticamente cattolico”.

Stauffenberg andava a messa con i suoi figli e sosteneva la tradizione familiare cattolica. Inoltre, la morale cattolica aveva giocato un ruolo importante per lui.

In generale, i veri cattolici “erano immuni a Hitler”, ha spiegato Berthold von Stauffenberg . “L’eccessivo significato religioso” che si dava al giuramento sulla  bandiera era un fatto “estraneo a noi cattolici tedeschi del sud”.

L’accusa che suo padre fosse stato antisemita è sta respinta con sdegno da Berthold von Stauffenberg . “In Europa, non solo in Germania, non si poteva essere più amichevole con gli ebrei”. Ma “non voleva ucciderli”.

Berthold von Stauffenberg aveva dieci anni quando suo padre fu ucciso a colpi d’arma da fuoco a Berlino subito dopo il fallimento dell’attentato contro Hitler.

In seguito ha prestato servizio come generale maggiore nella Bundeswehr. Nell’intervista, ha descritto Claus von Stauffenberg, e la sua ricerca della verità, della moralità e dei diritti umani, come un “esempio assoluto” per la sua stessa vita. Ha avuto “il coraggio, la forza e la chiarezza di fare ciò che ha fatto”.

In occasione del 75 ° anniversario dell’assassinio di Hitler, anche l’arcivescovo di Berlino Heiner Koch ha parlato e invocato resistenza “contro l’ingiustizia e l’intolleranza”. “Viviamo in una società completamente diversa rispetto al Terzo Reich”, ha ammesso Koch ma “il bullismo del linguaggio e la violenza stanno aumentando, così come il populismo, l’esclusione e le opinioni radicali”.

Il vescovo di Fulda Michael Gerber ha parlato di “crescente insicurezza e fiorenti nazionalismi” in Germania. La risposta a questo deve essere una “solidarietà tra i gruppi sociali diversi”, ha detto Gerber in occasione dell’anniversario del fallito assassinio di Hitler.

Un pensiero riguardo “Il figlio di von Stauffenberg (l’ufficiale che voleva uccidere Hitler): “era un cattolico fedele”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.