Don Antonio Rungi: “Ridurre al minimo gli eventi giubilari di massa a Roma”

Ti è piaciuto? Condividi!

224035_494223880608275_420883498_nIl teologo passionista e giornalista pubblicista don Antonio Rungi è stato protagonista di una piccola polemica col portavoce Vaticano padre Lombardi . Una eccessiva semplificazione giornalistica, gli ha attribuito  l’ idea di voler rinviare il Giubileo straordinario con una petizione in rete. Don Antonio corregge il tiro e precisa :  “Evidentemente si è trattato di sintesi frettolose . Io non chiesto alcun rinvio, cosa che del resto non sarebbe prima di tutto possibile , poi neppure auspicabile, in quanto un eventuale rinvio sarebbe letto dai terroristi come resa ed è quello che vogliono, significherebbe darla vinta a loro. Per comprendere il senso di quello che ho detto , basta leggere con attenzione la mia petizione in rete”.

Insomma, che cosa ha detto don Antonio ?
“Io ho preso come punto di partenza proprio la lettera del Papa del settembre scorso . E , muovendo dai tragici fatti di Parigi , ho sostenuto che per il bene comune e per la incolumità della gente che, meglio sarebbe , questo sì , limitare al massimo e  spostare in ambiti ristretti, più controllabili, le celebrazioni centralizzate e di massa programmate in Roma. Infatti in quegli eventi potrebbero fiondarsi malintenzionati e terroristi. Poi, dare maggior impulso al Giubileo nelle Diocesi. La lettera di settembre del Papa parla chiaro: bisogna  fare il Giubileo anche a livello diocesano e il Papa aprirà infatti in una Diocesi lontana l’ anno giubilare “.

Che cosa la ha mossa a fare questa petizione?

“La virtù della prudenza che è tipica del cristiano. E il ricordo di quel  detto: aiutati che Dio ti aiuta . Non comprendo per quale motivo bisogna mettere  a rischio la pubblica incolumità, se è possibile adottare qualche accorgimento. E’ molto meglio prevenire quando si è in tempo che poi , spero di no, anzi ne sono certo, piangere delle vittime. Ricordo a me stesso che il Giubileo è prima di tutto un evento di natura spirituale e di grazia e non un fatto mondano, ed è di tutta la Chiesa quindi non solo romano. Per la buona riuscita di un anno giubilare non sono affatto necessarie le  folle oceaniche e le grandi adunate di gente. Bisogna sempre poi evitare il rischio della mondanità nella quale possiamo cadere durante un Giubileo “.

Don Antonio , lei è anche giornalista. Venendo al caso della fuga di notizie vaticane e pubblicazione sui libri , lei che cosa avrebbe fatto, avrebbe pubblicato?

“Assolutamente no. E non perchè sono cattolico , ma perchè il giornalista ha un dovere etico nel valutare il modo di ottenimento delle notizie. Mi pare che i due autori dei libri siano indagati e pertanto ci potrebbe essere un reato alla base della fuga delle notizie. Occorre anche salvaguardare l’ etica nel mestiere e  non solo la smania di dare notizie, poi di scarso pregio in quanto erano cose note. Hanno sollelvato un vero polverone e certamente non come dicono alcuni, per il bene della  Chiesa, ma solo per vanteria personale e forse guadagno. Mi auguro, per la loro coscienza, che non lo abbiano solo fatto per denaro”.

Avrebbero pubblicato notizie derivanti dal trafugamento di atti e documenti di un Imam o di una moschea?

“Credo di no. Ma bisogna chiederlo a loro, certo sarebbe molto pericoloso”.

Bruno Volpe

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.