Carlo Casini: “Ddl Cirinnà, la stepchild adoption tornerà sotto altra forma”

Ti è piaciuto? Condividi!

On-CasiniIl dibattito sulla legge Cirinnà prosegue anche dopo il faticoso accordo di maggioranza raggiunto tra Pd e NCD,  secondo il quale spariscono sia l’ adozione del figliastro che l’ obbligo di fedeltà tra partner omosessuali. Indubbiamente un passettino in avanti, ma basta questo? Giriamo la domanda a Carlo Casini, presidente onorario del Movimento per la Vita, ex parlamentare europeo e  italiano e soprattutto magistrato.

Onorevole Casini, concorda con chi  tira un sospiro di sollievo e si dichiara soddisfatto delle modifiche?

La mia risposta è più no che sì. In poche parole, i miei dubbi permangono. Indubbiamente qualche cosa in avanti vi è stata, su alcuni punti il popolo del Family Day ha vinto, ma lo ritengo ancora poco”.

Perchè?

Perchè, di fatto, l’ equiparazione farlocca tra unioni omosessuali al matrimonio resta e io sono della idea che tutta la legge Cirinnà andava cancellata e non recepita, senza se e senza ma. Il fatto che non vi sia l’ obbligo alla fedeltà dice poco, perchè rimangono altri requisiti che rendono assimilabili i due istituti. Corriamo il rischio, inoltre, che le adozioni oggi scartate, vengano riammesse per via giuridiszionale, cioè a colpi di sentenza in quanto, lo ribadisco, vi sono troppe affinità col matrimonio costituzionalmente previsto. Poi sento parlare di una nuova legge in cantiere sulle adozioni e temo che la storia della adozione del figliastro possa rispuntare con separato provvedimento.

Qual è il terreno che ha portato alla Cirinnà?

Nasce da una ormai idea banalizzata della sessualità, vista in chiave edonistica. Tutto questo ha reso il sesso molto triviale e scostato dalle sue naturali finalità, con una sorta di ammiccamento anche al libertinaggio . Ci vorrebbe maggior attenzione e formazione ai valori cristiani.

Alfano ha detto sì all’accordo..

Io ero e rimango contrario e lo ho anche scritto per lettera ad Alfano. Certamente per la stipula di questo accordo al ribasso hanno influito ragioni di opportunità politica e forse la volontà di evitare una crisi di governo.

Salvataggio di poltrone?

Io ero contrario e non aggiungo altro.

Da che cosa nasce secondo lei la legge Cirinnà?

Dal fatto che oggi è in voga una sorta di dittatura del pensiero unico e del politicamente corretto specialmente presente nei media al quale si contrappone la tradizionale mitezza dei cattolici.

La Chiesa italiana probabilmente si è mobilitata tardi…

Il cardinal Bagnasco si è fatto sentire. Altri vescovi hanno scelto maggior prudenza forse per motivi tattici ritenendo  controproducente arrivare ad uno scontro frontale.

Bruno Volpe

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.